Resta in contatto

News

Carera e gli altri: cronache atalantine dal maxischermo

Non c’è stato il pienone che forse gli organizzatori avevano sperato, ma buttali via 350 commensali stretti intorno a una bandiera in zona aeroportuale. Quando non si decolla dalla pista di rullaggio, lo si fa con le emozioni e la passione. Colorate di nerazzurro, of course. Chi non è riuscito ad accaparrarsi biglietti, voli, torpedoni e pacchetti viaggio assortiti per Lione-Atalanta, ieri sera, aveva un trivio davanti: starsene sul divano incollato a TV8 o Sky, scendere al bar più vicino oppure optare per la trovata del maxischermo a Oriocenter, il santuario degli interessi nel terziario della presidenza Percassi.

Un’esperienza totalizzante e socializzante, come essere in curva al vecchio “Comunale” che ora manco lo è più ma senza stare all’addiaccio, anche se verso quanti si sono assicurati i 2.816 tagliandi del Parc OL una punta d’invidia è inevitabile. A sorpresa, tra magliette a tema, sciarpe e bandiere letteralmente spremute a mo’ di colori sulla tavolozza per dipingere l’esultanza sulla magica punizione del pari del Papu Gomez, ottenuta grazie a una proiezione offensiva del bergamaschissimo Mattia Caldara, l’eroe a chilometro zero, ecco due vip.

Il tecnico dei cugini ed ex co-affittuari del santuario del pallone, Massimiliano Alvini, certo non lì per rappresentare il suo AlbinoLeffe: “In attesa di studiarmi per la decima volta il video sul Bassano che dobbiamo incontrare domenica, sono qui con l’intenzione di guardarmi un bel film. Anche se l’Atalanta è un bel vedere”. Il mister di Fucecchio, il Montanelli della panchina, resta lì mezzoretta in piedi e poi si dà.

Agganciato alla seggiola da un mix di tensione e voglia di studiarsi la sfida più impervia del previsto, invece, Flavio Carera, il più grande cestista bergamasco di tutti i tempi, accompagnato dalla sua metà Cristina e dal solito stuolo di amici, uno che ancor prima di mietere successi in Nazionale (argento a Barcellona ’97) e nella Virtus Bologna (tre titoli italiani, una Coppa Italia e una Supercoppa) da baby dell’Alpe Bergamo era solito scappare dalle sessioni sul parquet di Charlie Recalcati per andarsi a vedere la sua amata Dea, non bastandogli mai la palla a spicchi: “I ragazzi hanno saputo soffrire e stringere i denti ma anche reagire, andare sotto a tiro dell’intervallo è stata dura. Quando subisci il possesso palla sessanta a quaranta non puoi fare altro. Ora con tre punti coi ciprioti avremmo la qualificazione in tasca”.

Uomini di sport e comuni cittadini innamorati del calcio, piluccando l’apericena e sbocconcellando pane, pizzette e pallone in una nottata da consegnare alla Storia.

 

 

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Advertisement

“Con Boga è arrivato il dopo Papu?”, il nostro sondaggio

Ultimo commento: "Il giocatore non si discute... classico profilo adatto alle nostre esigenze, potenzialità mai espresse a pieno. Boga, la Dea e Gasp... un mix..."
Atalanta

La difesa, Demiral, Gasperini. Di chi la responsabilità dell’eliminazione dalla Champions?

Ultimo commento: "A mio avviso la responsabilità si deve a tanti fattori, non uno o due.. all'inesperienza di Demiral e Musso in ambito Atalanta, e che non è poco....."
miranchuk

Cosa fare con Miranchuk? Ecco il risultato del sondaggio

Ultimo commento: "Esatto sono tutti allenatori e critici Giusto sostenerlo,questo è forte vedrete,poi si gioca in 11 più i cambi,entra fa vedere la sua classe e si..."

Sondaggio: Ilicic o Malinovskyi, chi vorreste davanti con Zapata?

Ultimo commento: "Quel Narciso ha preso una squadra che lottava per non retrocedere e l'ha trasformata in un esempio conosciuto e studiato in tutto il mondo per..."

Altro da News