Resta in contatto

Approfondimenti

Oggi Ivan Ruggeri avrebbe detto settantatré

La tragica curiosità delle sfide e dei suoi incroci del destino: il 14 ottobre per lui fu l’alfa, per il suo dirimpettaio nel Cielo Paolo Mantovani invece l’omega (1993). Se una maledetta emorragia cerebrale non l’avesse sottratto agli onori e agli oneri da grande uomo di sport quel lontano 16 gennaio 2008, per poi rubarlo per sempre alla vita e al calcio il 6 aprile di quattro anni fa, oggi Ivan Ruggeri avrebbe tagliato il traguardo delle settantatré candeline. E con ogni probabilità sarebbe ancora al suo posto, sullo scranno più alto di Zingonia, da proprietario e presidente della sua Atalanta, circondato dall’affetto della moglie Daniela e dei figli, Francesca e Alessandro, cui il consiglio di amministrazione aveva passato il testimone ventunenne nel settembre di quell’annus horribilis. Del suo lungo periodo al vertice si ricordano la banda dei ragazzini terribili di Giovanni Vavassori, settima da neopromossa all’alba del nuovo secolo, le sfortunatissime minusvalenze made in Beppe Marotta di Comandini (30 miliardi) e Saudati ma soprattutto le covate di baby di Cesare Prandelli (scudetto Allievi ’92, Primavera e Viareggio Cup ’93) e dello stesso Vava (Primavera ’98), rivendute poi a peso d’oro al netto del solo Gianpaolo Bellini: Morfeo, Tacchinardi, i gemelli Zenoni, Mister 27 miliardi Pelizzoli, Pinardi, Pazzini, Bianchi e Montolivo su tutti. E ancora, grandi giocatori di passaggio come Montero, Bobo Vieri e Pippo Inzaghi.

Sotto la sua guida, dopo aver rilevato la società (e la metà delle azioni in portafoglio) da Antonio Percassi nel febbraio del 1994, cinque purgatori in serie B (1994/95, 1998/99, 1999/2000, 2003/2004 e 2005/2006) e una finale di Coppa Italia nel ’96 persa con la Fiorentina in 14 anni come massimo dirigente, entrato ufficialmente nel mondo del pallone da brillante imprenditore attivo nel settore delle materie plastiche nel 1977 acquisendo il 19 per cento delle quote azionarie da Sergio Nessi, socio di minoranza di Achille Bortolotti. Il burbero Ivan, nemico irriducibile della violenza negli stadi fino a definire “caproni” gli ultras, sempre un po’ inviso al pubblico più esigente in curva che non gli rimproverava di essere di manica corta al calciomercato (mica vero, vedi sopra), fu anche protagonista della diatriba sulla questione stadio quando l’attuale patron avrebbe voluto costruirne uno nuovo di trinca sui suoi terreni di Grassobbio (“Se lo vuole fare deve fare i conti con l’Atalanta, altrimenti ci manderà a pascolare le pecore”).

Ma Ruggeri, bergamasco di provincia, nato a Telgate, non era solo calcio. Ciclista dilettante provetto, da dilettante finì quarto al Giro delle Asturie. Mortagli la madre, a 21 anni cominciò la gavetta da rappresentante di mobili e di bottoni, figlio com’era dell’omonimo distretto, per poi annusare l’affare nel recupero della plastica usata negli anni della prima crisi petrolifera. Aveva assaggiato anche la pallacanestro, col Celana e con l’Alpe, da vicepresidente sotto il marchio Binova ai tempi dalla serie A. Vicinissimo ai Bortolotti, specie al figlio Cesare, da consigliere nerazzurro si fece da parte con il primo ingresso in società di Percassi, a cui la famiglia avrebbe rivenduto il pacchetto di maggioranza con la mediazione di Roberto Spagnolo, ponte tra le due ere e oggi direttore operativo, dopo l’ultima retrocessione in B, il 4 giugno del 2010. In panchina, dapprima il duo (ereditato) Valdinoci-Prandelli, esaurita con un fallimento la scommessa percassiana di un Guidolin allora troppo avanti coi tempi, quindi il cavallo di ritorno Emiliano Mondonico, Vavassori (sostituito da Giancarlo Finardi nel playout del 2003 perso con la Reggina), Andrea Mandorlini, Delio Rossi, Stefano Colantuono che gli dedicò il 4-3 all’Inter a San Siro all’indomani della scomparsa e Gigi Delneri, artefice dell’ultimo calcio champagne a Bergamo prima dell’avvento di Gian Piero Gasperini.

Dulcis in fundo, le battaglie appassionate di chi credeva che l’Atalanta fosse “un piccolo Davide in mezzo a tanti Golia. Abbiamo raccolto. Saremo provincialotti, fuori dal tempo. Ma siamo le formichine di cento anni fa”, come ebbe a dire in occasione del Centenario nel 2007. Tutela dei settori giovanili, diritti televisivi cercando di strappare una fetta della torta un po’ meno magra e anche tifosi sopra le righe, oggetto dei suoi strali: “Certa gente non la voglio più nel mio stadio”, la sua sentenza dopo gli incidenti dell’11 novembre 2007 che costrinsero alla sospensione di Atalanta-Milan per le proteste di tutte le curve in seguito alla tragica morte di Gabriele Sandri. Una presa di posizione che in città gli valse quegli ingiusti “Ruggeri vattene”. Ma chi è entrato di diritto nella storia di un club alla periferia del grande impero merita solo un commosso ricordo e un appassionato rimpianto.

13 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
13 Commenti
più vecchi
più nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Francesca
Francesca
2 anni fa

Grazie mille per il meraviglioso ricordo di papà

Francesca
Francesca
2 anni fa

Grazie per il meraviglioso ricordo di papà

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 anni fa

Ciao, il mio presidente x sempre

Ivana
Ivana
2 anni fa

Ti ricordiamo sempre con tanto affetto…..caro amico

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 anni fa

Non aveva le disponibilità economiche di Percassi (e neanche il suo appeal mediatico), ma ha voluto bene alla sua Atalanta. Buon compleanno Presidente, e da Lassu’ butta un occhio alla tua Dea……

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 anni fa

Ciao Ivan

Teo
Teo
2 anni fa

Ogni commento su Ivan è superfluo, lui era ‘speciale’, persone così non le troveremo mai più. Esempio di vita e carisma nello svolgimento delle sue azioni.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 anni fa

Auguri…..IVAN

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 anni fa

Uno dei pochi ..grandi presidenti

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 anni fa

Grande presidente

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 anni fa

Ciao Ivan. .sempre nel??

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 anni fa

Grazie presidente

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 anni fa

Ciao Ivan. E grazie di tutto..

Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Advertisement

Emiliano Mondonico

Ultimo commento: "Si deve vergognare !!! Non è degno neanche di nominare il nome del Mondo ...assurdo insultare Gasperini , veda di seguire qualche altra squadra ."
augusto scala piero fanna

Augusto Scala

Ultimo commento: "Uno dei maestri del calcio italiano"

Angelo Domenghini

Ultimo commento: "grande Domingo, mi ricordo un'Atalanta Inter 5a0 con tua doppietta a Cometti , non mi arrabbiai Tu Bergamasco doc eri tutti Noi"
magrin

Marino Magrin

Ultimo commento: "Prego, 1-2 : De Bernardi, Magrin e Zobbio per il Treviso : c'ero anch'io, anche a Santangelo Lodigiano ( 0-0 su un campo di patate sotto il diluvio......"

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da Approfondimenti