Resta in contatto

News

Serve vincere per tornare in alto

La partita di questo pomeriggio contro l’Hellas Verona è l’occasione giusta per scalare diverse posizioni in classifica. Dopo parecchi anni senza vittorie (l’ultima volta che l’Atalanta ha conquistato i tre punti contro gli scaligeri risale al 23 settembre 2001 con il punteggio di 1-0 e il gol di Doni) c’è l’opportunità per gli uomini di Gasperini di tornare al successo e guardare al futuro con ottimismo.

Dalle parti di Zingonia tutti sanno molto bene che la truppa orobica non dovrà guardare la posizione, a ridosso delle ultime della classe dei gialloblu perché sottovalutare l’impegno sarebbe un rischio molto pericoloso da correre. L’Eco di Bergamo in edicola oggi analizza lo stato di forma delle squadre.

Le due formazioni arrivano al match valido per la decima giornata di campionato vivendo due momenti completamente diversi. I padroni di casa arrivano al match con una buona condizione mentale e fisica, con quasi tutti gli uomini a disposizione mentre i veronesi affrontano la trasferta di Bergamo con il morale sotto i tacchi; la classifica piange e il derby perso di misura contro il Chievo è una ferita ancora aperta. Se a questa aggiungiamo i parecchi giocatori indisponibili, capiamo bene che Fabio Pecchia non può dormire sonni tranquilli.

Gasperini potrà scegliere in tutta calma chi schierare per affrontare un avversario sulla carta nettamente inferiore mentre il mister veronese dovrà fare a meno di Caceres, Zuculini, Ferrari, Bianchetti e Valoti.

Per i nerazzurri è importante vincere per avvicinare le big del campionato e scalare posizioni per provare a qualificarsi per la prossima Europa League.

1 Commento

1
Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Come cambiano i tempi…. fino a 2 anni fa avremmo detto: 3 punti fondamentali per mantenere 6 punti sulla zona retrocessione….

Advertisement
augusto scala piero fanna

Augusto Scala

Ultimo commento: "La fascia all'ombra era la sua miti c o"
glenn peter stromberg

Glenn Peter Stromberg

Ultimo commento: "Il capitano! Fino ad oggi, per me, il simbolo dell'Atalanta stessa...."

Marino Magrin

Ultimo commento: "Lasciamo perdere Doni che le ha combinate troppo grosse, Magrin grande come doti tecniche e umane"

Emiliano Mondonico

Ultimo commento: "Mondo sempre nel cuore....per sempre!!!"

Angelo Domenghini

Ultimo commento: "Un grande ed indimenticabile! In campo bravo, infaticabile, generoso e soprattutto un gentleman!!"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Title

Powered by Pagine Sì!

Altro da News