Resta in contatto

News

La Spal alla prova del calendario

Sfruttare il ciclo di partite prevalentemente contro compagini di fascia media per mettere nella cascina del girone d’andata il fieno utile a sopravvivere alla sfida della salvezza. È la tesi sostenuta dall’articolo di fondo odierno di Lorenzo Felisatti sulla testata on line LoSpallino.com, che prova a ragionare sugli impegni della neopromossa squadra ferrarese da qui al giro di boa. Cominciando proprio dall’Atalanta, inserita proprio nel limbo della serie A, quella terra di mezzo in cui le pericolanti come l’undici di Leonardo Semplici hanno complessivamente ottenuto 14 punti sugli 81 disponibili.

Con la sola Udinese, nelle zone basse, a strappare 6 punti al di fuori della lotta serrata per mantenere la categoria, e la quasi impossibilità di rosicchiarne alle big e alle immediate inseguitrici (2 su 93, tra cui l’occhiale alla prima giornata della Spal con la Lazio), il ragionamento di Felisatti è il seguente: l’ex di turno Alberto Paloschi e soci finora hanno affrontato solo il Bologna nel derby emiliano tra le “mezzane”, quindi il calendario è sfruttabile per tirarsi su ulteriormente dai bassifondi. Anche se è ancora vivo il rammarico per i ko interni col Cagliari e il Sassuolo.

La Spal, infatti, è a quota 8 a braccetto coi neroverdi dopo aver fatto secco il Genoa in uno dei tre scontri diretti (con Udinese e Crotone gli altri) che hanno fruttato 7 punti (su 15). Ovvero la linfa vitale del quartultimo posto, insieme al pareggio strappato alla banda di Simone Inzaghi. E i nerazzurri bergamaschi hanno la priorità della qualificazione in Europa League, energie in meno da sfruttare. In attesa dei rendez-vous con Hellas e Benevento alla quartultima e terzultima giornata, dunque, saranno da giocarsi al meglio le partite con la Dea, la Fiorentina in casa, la doppia trasferta Chievo-Roma, le bagarre per restare in A già citate, il Torino e la Samp.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Voto al mercato: la maggioranza dice 7

Ultimo commento: "Più forti di chi ci vuole morti vinci x noi magica Atalanta folle amore nostro ultras liberi"
ederson calciomercato

Che voto date al calciomercato dell’Atalanta?

Ultimo commento: "La bravura del Mister Gasperini nel proporre i giovani è la forza dell'Atalanta. Eccellente allenatore, grande uomo, vero bergamasco."

“Con Boga è arrivato il dopo Papu?”, il nostro sondaggio

Ultimo commento: "Già. Purtroppo soldi nel c'èsso e tirato lacqua"
Arctos sports partners pagliuca

Di che le responsabilità, se il 2022-2023 sarà senza Europa?

Ultimo commento: "Infatti i oercassi poi hanno venduto la società"
campagna abbonamenti

SONDAGGIO – Sei soddisfatto della campagna abbonamenti?

Ultimo commento: "Stanno aspettando i soldi dagli abbonamenti per fare il mercato???"

Altro da News