Resta in contatto

Approfondimenti

Gasperini e il suo bicchiere mezzo pieno

Per un mese ha vissuto un sogno e la possibilità di una sua ripetizione. Contro le logiche del doppio impegno, come un anno fa contro la logica della poca esperienza dei Primavera, Gasperini aveva trovato ancora una volta la chiave che attivava un meccanismo perfetto: la sua Atalanta come un carillon girava e ruotava, cambiava di formazione ma la sinfonia era sempre dolcissima sia in Europa che in campionato.

Poi una nota stonata, la musica che si interrompe e il meccanismo si inceppa. Cosa è cambiato? Più che un problema dei singoli buttati nella mischia, è la testa che sembra non ci sia più. Forse la sua Atalanta ha dato troppo mentalmente, certo è che non sembra più nemmeno un problema doppi impegni e privilegi. La scelta, ben prima della partita a Udine, sembrava essere il girone Uefa eppure anche lì abbiamo riscontrato lo stesso problema del Friuli: mancanza di lucidità, di concentrazione, poca fame di concretizzare una volta per tutte.

Calma e gesso la Dea non l’ha mantenuto nemmeno contro un Apollon in evidente difficoltà, anzi, si è ingessata in entrambe le aree piccole. Ma per mister Gasperini il bicchiere è mezzo pieno: a Cipro l’Atalanta ha dimostrato la stessa fame di gol avuta contro il Bologna, Udine è stata solo un’eccezione e domani in casa con la Spal la Dea ha in testa solo la vittoria.

Insomma, in campionato si prende tempo, per l’Europa è una questione di tempo: per il Gasp l’ipoteca sul girone ormai l’abbiamo messa e per la serie A novembre e dicembre saranno i mesi in cui concentrare al massimo l’attenzione. L’amarezza che l’ha già buttato giù una settimana fa è solo un lontano ricordo: l’Atleti Azzurri d’Italia è il posto giusto per ritornare a compiere un salto di qualità.

7 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
7 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Prima capitano, poi autentica bandiera nerazzurra

Gianpaolo Bellini

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Advertisement
Piccoli Genoa

Dentro uno, fuori tre: il calciomercato d’inverno va bene così?

Ultimo commento: "Perfettamente d'accordo con te. Obbligarieta delle calze maglie nelle serate invernali.non se ne può più di questi infortuni."

Sondaggio: Ilicic o Malinovskyi, chi vorreste davanti con Zapata?

Ultimo commento: "Sarei più propenso a rinunciare a Ilicic, nonostante lo ritenga un fuoriclasse, quando è in palla. ..."

“Con Boga è arrivato il dopo Papu?”, il nostro sondaggio

Ultimo commento: "Il giocatore non si discute... classico profilo adatto alle nostre esigenze, potenzialità mai espresse a pieno. Boga, la Dea e Gasp... un mix..."
Atalanta

La difesa, Demiral, Gasperini. Di chi la responsabilità dell’eliminazione dalla Champions?

Ultimo commento: "A mio avviso la responsabilità si deve a tanti fattori, non uno o due.. all'inesperienza di Demiral e Musso in ambito Atalanta, e che non è poco....."
miranchuk

Cosa fare con Miranchuk? Ecco il risultato del sondaggio

Ultimo commento: "Esatto sono tutti allenatori e critici Giusto sostenerlo,questo è forte vedrete,poi si gioca in 11 più i cambi,entra fa vedere la sua classe e si..."

Altro da Approfondimenti