Resta in contatto

Approfondimenti

Atalanta, è tutta questione di contrasti

L’ha detto Gian Piero Gasperini a bocce ferme, dopo l’ennesima delusione stagionale consumatasi contro la Spal. Un match terminato con l’uomo in meno, causa rosso diretto via Var a Remo Freuler, responsabile di un’entrata dritta sulla caviglia di Federico Viviani con la palla guizzata via per la pioggia. “Perdiamo i contrasti, c’è un problema strutturale”, le doglianze a fior di labbra del mister a fine partita domenica scorsa. Ma è davvero così? L’Atalanta, a campionato giunto alla terza sosta per le nazionali, è solo a metà del guado in classifica (decima a 16, stessi punti della Fiorentina che ha un quoziente reti migliore e del Chievo) perché non ce la fa più a conquistare palloni sradicandoli dai piedi degli avversari?

Dalle statistiche dopo 12 turni, in realtà, non si direbbe proprio. Perché in serie A solo la Juventus ha fatto meglio, 52 per cento contro 50, in tema di duelli vinti. Un dato globale, è bene specificarlo, che tiene in considerazione molte voci e altrettanti fattori. Prendendo in esame lo scarto tra i falli subìti e quelli commessi (palla persa per forza di cose), i tackle, ovvero i contrasti propriamente detti palla a terra, le contese aeree ovvero di testa e gli uno contro uno per seminare i giocatori altrui.

Le nude cifre dicono che i tackle vinti sono 163 contro i 255 persi, con un 39 per cento di efficacia, probabilmente la vera questione da risolvere secondo il Gasp. Nondimeno, qui i nerazzurri sono quinti nella graduatoria a squadre, dietro il sorprendente Crotone di Davide Nicola, il Bologna, i Mussi Volanti e il Torino. In compenso i dribbling vincenti sono 123 su 194 (63%, comunque al dodicesimo posto), le punizioni conquistate 177 (55%) contro le 146 contro, le sfide aeree 142 a 122 (54%; quarti dietro Juve, Inter e Lazio).

Analizzando il match incriminato le ragioni del mister sembrano evidenti, anche se non è possibile ottenere un responso univoco e incontrovertibile dai numeri. Forse perché andrebbero approfonditi più in dettaglio per trarne conclusioni. Contro i ferraresi, 10 uno contro uno su 15 (il 60%, leggermente sotto media) lisci come l’olio, ma nella metà campo nemica è finita pari, 4-4. Il che ovviamente non depone a favore della fluidità della manovra offensiva.

Per non parlare dei tackle: positività limitata al 29 per cento, 6 riusciti di cui 4 in zona difensiva, 6 lasciati alle maglie biancazzurre entro la riga di mezzo di cui un preoccupante paio ai limiti della propria area (frontale e lato sinistro) e ben 9 sanzionati dall’arbitro, fra cui quello decisivo per l’uomo in meno. Con la capoccia, poi, 11 su 17 buoni, ma l’unico vicino alla porta in cui segnare è andato. In parole povere, anche stavolta, come quasi sempre, bisogna(va) dare retta all’uomo in sella. Senza porsi e porgli troppe domande indiscrete.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da Approfondimenti