Resta in contatto

Approfondimenti

Atalanta, è tutta questione di contrasti

L’ha detto Gian Piero Gasperini a bocce ferme, dopo l’ennesima delusione stagionale consumatasi contro la Spal. Un match terminato con l’uomo in meno, causa rosso diretto via Var a Remo Freuler, responsabile di un’entrata dritta sulla caviglia di Federico Viviani con la palla guizzata via per la pioggia. “Perdiamo i contrasti, c’è un problema strutturale”, le doglianze a fior di labbra del mister a fine partita domenica scorsa. Ma è davvero così? L’Atalanta, a campionato giunto alla terza sosta per le nazionali, è solo a metà del guado in classifica (decima a 16, stessi punti della Fiorentina che ha un quoziente reti migliore e del Chievo) perché non ce la fa più a conquistare palloni sradicandoli dai piedi degli avversari?

Dalle statistiche dopo 12 turni, in realtà, non si direbbe proprio. Perché in serie A solo la Juventus ha fatto meglio, 52 per cento contro 50, in tema di duelli vinti. Un dato globale, è bene specificarlo, che tiene in considerazione molte voci e altrettanti fattori. Prendendo in esame lo scarto tra i falli subìti e quelli commessi (palla persa per forza di cose), i tackle, ovvero i contrasti propriamente detti palla a terra, le contese aeree ovvero di testa e gli uno contro uno per seminare i giocatori altrui.

Le nude cifre dicono che i tackle vinti sono 163 contro i 255 persi, con un 39 per cento di efficacia, probabilmente la vera questione da risolvere secondo il Gasp. Nondimeno, qui i nerazzurri sono quinti nella graduatoria a squadre, dietro il sorprendente Crotone di Davide Nicola, il Bologna, i Mussi Volanti e il Torino. In compenso i dribbling vincenti sono 123 su 194 (63%, comunque al dodicesimo posto), le punizioni conquistate 177 (55%) contro le 146 contro, le sfide aeree 142 a 122 (54%; quarti dietro Juve, Inter e Lazio).

Analizzando il match incriminato le ragioni del mister sembrano evidenti, anche se non è possibile ottenere un responso univoco e incontrovertibile dai numeri. Forse perché andrebbero approfonditi più in dettaglio per trarne conclusioni. Contro i ferraresi, 10 uno contro uno su 15 (il 60%, leggermente sotto media) lisci come l’olio, ma nella metà campo nemica è finita pari, 4-4. Il che ovviamente non depone a favore della fluidità della manovra offensiva.

Per non parlare dei tackle: positività limitata al 29 per cento, 6 riusciti di cui 4 in zona difensiva, 6 lasciati alle maglie biancazzurre entro la riga di mezzo di cui un preoccupante paio ai limiti della propria area (frontale e lato sinistro) e ben 9 sanzionati dall’arbitro, fra cui quello decisivo per l’uomo in meno. Con la capoccia, poi, 11 su 17 buoni, ma l’unico vicino alla porta in cui segnare è andato. In parole povere, anche stavolta, come quasi sempre, bisogna(va) dare retta all’uomo in sella. Senza porsi e porgli troppe domande indiscrete.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Prima capitano, poi autentica bandiera nerazzurra

Gianpaolo Bellini

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Advertisement
Piccoli Genoa

Dentro uno, fuori tre: il calciomercato d’inverno va bene così?

Ultimo commento: "Perfettamente d'accordo con te. Obbligarieta delle calze maglie nelle serate invernali.non se ne può più di questi infortuni."

Sondaggio: Ilicic o Malinovskyi, chi vorreste davanti con Zapata?

Ultimo commento: "Sarei più propenso a rinunciare a Ilicic, nonostante lo ritenga un fuoriclasse, quando è in palla. ..."

“Con Boga è arrivato il dopo Papu?”, il nostro sondaggio

Ultimo commento: "Il giocatore non si discute... classico profilo adatto alle nostre esigenze, potenzialità mai espresse a pieno. Boga, la Dea e Gasp... un mix..."
Atalanta

La difesa, Demiral, Gasperini. Di chi la responsabilità dell’eliminazione dalla Champions?

Ultimo commento: "A mio avviso la responsabilità si deve a tanti fattori, non uno o due.. all'inesperienza di Demiral e Musso in ambito Atalanta, e che non è poco....."
miranchuk

Cosa fare con Miranchuk? Ecco il risultato del sondaggio

Ultimo commento: "Esatto sono tutti allenatori e critici Giusto sostenerlo,questo è forte vedrete,poi si gioca in 11 più i cambi,entra fa vedere la sua classe e si..."

Altro da Approfondimenti