Resta in contatto

News

Cominelli, da Parre all’Inter passando dalla Dea

C’era un’epoca, di qualche decennio successiva a quella dei pionieri dello sport importato da Oltremanica, in cui il pallone poteva essere l’occasione d’oro per sfuggire al destino della miniera. E magari fare da trampolino per un tuffo che dalle ingiallite pagine di cronaca d’antan proietta direttamente nella leggenda. Da secondo atalantino finito all’Inter dopo il superportiere Carletto Ceresoli. E da secondo miglior marcatore di tutti i tempi della Dea dopo Cristiano Doni. È il caso di Severo Cominelli da Parre, calciatore provetto ma anche dipendente della multinazionale belga Vieille Montagne, che da fine Ottocento fino alla nazionalizzazione fascista del 1941 ai piedi del monte Trevasco e in Valle del Riso (tra Gorno e Oneta) estrasse minerale di zinco (blenda e calomina) a tonnellate dopo aver acquisito le concessioni in una vasta area della Valle Seriana.

Compaesano di altri due nerazzurri come Aldo (attaccante) e Gino (portiere) Perani, zii dei nossesi Ettore e Marino (scudettato col Bologna nel ’64), il compatto ma potente Severino dal tiro che piegava le pani ai portieri, una mezzala col senso della rete dalla resistenza fisica di un mulo, fece l’avantindré con la Beneamata. Una sorta di Freuler con la castagna alla Pogba o alla Juninho Pernambucano. Coi bergamaschi, che lo prelevarono diciannovenne dalla Nossese di Ponte Nossa, il ragazzo nato esattamente 102 anni fa nel paese degli scarpinòcc (le calzature di panno che poi hanno prestato il nome ai tipici ravioli) ha all’attivo 62 gol (lo storico numero 27, l’eroe ripudiato per il calcioscommesse, è a quota 112) di cui 60 in campionato (Doni è a 103).

Dei 71 in carriera escluse Coppa Italia e tornei collaterali, 55 già nelle 194 presenze con l’Atalanta dal ’34 al ’41. Quindi due stagioni (da neo acquisto insieme ad Arnaldo Salvi, ceduto l’anno dopo alla cremonese) all’allora Ambrosiana (45 match e 5 palloni in porta) e 5 gol in 13 partite al rientro nel campionato di guerra del ’44 che non contano ai fini statistici. Ancora Inter dal dopoguerra al ’47 (70 e 1) e altre due annate a Bergamo (57 e 5), dove si sarebbe spento il 20 aprile 1998, col quinto posto del ’48 grazie anche all’efficacia sotto porta di Edmondo Fabbri (8) e Mario Astorri (9), nonché alle parate di “Porta bronzea” Bepi Casari (convocato con Giacomo Mari alle Olimpiadi di Londra), prima di chiudere nella Spal.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Advertisement

Angelo Domenghini

Ultimo commento: "Ho avuto il piacere di averlo avuto prima come compagno poi come mister a fine carriera nell'OLBIA serie C. Che dire li capì fino in fondo il..."
augusto scala piero fanna

Augusto Scala

Ultimo commento: "Io ragazzino delle giovanili ..lui già capitano della prima squadra...ma due matti da legare...bei tempi!!!"
magrin

Marino Magrin

Ultimo commento: "Incontrato casualmente il giorno di Atalanta Shakhtar Donestsk (era il 1 ottobre 2019) stavo nei paraggi di casa mia e stavo per dirigermi verso..."

Emiliano Mondonico

Ultimo commento: "Era tifoso Viola"
gianpaolo bellini

Gianpaolo Bellini

Ultimo commento: "Io ho la sua maglia. È stato un esempio per tutti, ama la nostra ATALANTA e per questo merita tutto il nostro affetto. Grande Gianpaolo....."

Altro da News