Resta in contatto

News

Il ministro loda l’Atalanta: “Stadio e vivaio, simboli di rinascita”

“Lo stadio dell’Atalanta e la sua cura del vivaio sono esempi positivi, la base per la rinascita di un movimento indietro di venti o trent’anni”. In sede di presentazione nel salone d’onore del Coni del progetto di co-finanziamento Ubi Banca-Istituto per il Credito Sportivo (24,5 milioni sui 35 complessivi al lordo del prezzo d’acquisto) per il restyling dell’attuale “Atleti Azzurri d’Italia”, il ministro dello sport Luca Lotti non s’è risparmiato gli elogi alla società nerazzurra: “Complimenti alla famiglia Percassi e al Credito Sportivo per aver fatto squadra. Il nostro calcio, dalla governance di A e B fino alla liberalizzazione dei diritti televisivi, passando per il rinnovamento delle struttura, va rifondato – ha spiegato -. Sappiamo cos’è successo ieri sera, non ci siamo qualificati ai Mondiali dopo essere andati fuori al primo turno in due edizioni consecutive: questo progetto è qualcosa di buono in un giorno molto triste. Anche l’Empoli, col suo settore giovanile, è un simbolo di rinascita”.

Il direttore generale della Figc e vicepresidente Uefa Michele Uva ha rimarcato l’accento sulla questione degli impianti: “Siamo decisamente in ritardo, per fare l’Europeo 2019 Under 12 abbiamo faticato a trovarne sei, compreso quello di San Marino. A Bergamo dovrebbero chiamarlo ‘Stadio Gagliardini’, sono stati intelligentemente investiti i proventi della sua cessione”. Il presidente nerazzurro Antonio Percassi è stato conciso ma categorico: “Posso assicurare che lo stadio cambierà nome, anche se non lo anticipiamo. Ringrazio il Credito Sportivo e l’Istituto Ubi Banca per la disponibilità. E anche il presidente del Coni Giovanni Malagò, di tutto cuore: con noi è stato gentilissimo”.

Dal canto suo, il vertice del comitato olimpico aveva iniziato la conferenza stampa con parole al miele verso i piani alti di Zingonia: “Conosco bene la famiglia Percassi, soprattutto col papà (è presente anche l’ad Luca, ndr) c’è sintonia e identità di vedute. Ha deciso di fare il passo non scontato verso l’ovvio e il buon senso. La strada è tracciata: prima la Juve, poi l’Udinese, ora il percorso del Cagliari, il Sassuolo senza dimenticare la Roma. Negli anni delle vacche grasse è mancata la lungimiranza, altrimenti oggi in molti avrebbero impianti di proprietà”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Voto al mercato: la maggioranza dice 7

Ultimo commento: "Più forti di chi ci vuole morti vinci x noi magica Atalanta folle amore nostro ultras liberi"
ederson calciomercato

Che voto date al calciomercato dell’Atalanta?

Ultimo commento: "La bravura del Mister Gasperini nel proporre i giovani è la forza dell'Atalanta. Eccellente allenatore, grande uomo, vero bergamasco."

“Con Boga è arrivato il dopo Papu?”, il nostro sondaggio

Ultimo commento: "Già. Purtroppo soldi nel c'èsso e tirato lacqua"
Arctos sports partners pagliuca

Di che le responsabilità, se il 2022-2023 sarà senza Europa?

Ultimo commento: "Infatti i oercassi poi hanno venduto la società"
campagna abbonamenti

SONDAGGIO – Sei soddisfatto della campagna abbonamenti?

Ultimo commento: "Stanno aspettando i soldi dagli abbonamenti per fare il mercato???"

Altro da News