Resta in contatto

News

Migliaccio picchia ancora per noi: “Il Gasp se la gioca con l’Inter”

“L’Inter è cambiata grazie a Spalletti, la vedo alle spalle di Juve e Napoli: ha un organico è di grande qualità. Ma sono convinto che Gasperini sarà in grado di giocarsela”. Sul big match di domenica sera Giulio Migliaccio è intervenuto a “Tribuna Stampa” nel corso del palinsesto pomeridiano di TMW Radio. L’ex mediano cui i tifosi riservavano il famoso coro “Picchia per noi”, ritiratosi in primavera e ora aspirante dirigente a Zingonia, ha messo l’accento sulla stagione dei bergamaschi: “L’Atalanta sta crescendo molto anche grazie all’esperienza europea. La priorità è il campionato, ma essere già qualificati in un girone molto difficile è stato un grande risultato”.

Il Vin Diesel di Mugnano di Napoli ha tracciato un confronto tra i due allenatori che si sfideranno nel Sunday Night a San Siro: “Spalletti è preparato e ha cambiato in meglio il modo dell’Inter di stare in campo, Gasperini sa preparare benissimo le partite e riesce sempre a proporre una squadra fastidiosa – spiega -. Il nostro mister mi ha insegnato tantissimo e rimpiango di averlo incontrato solo a 36 anni: ho appreso metodologie nuove, ma visto come valorizza i giovani incrociarlo a inizio carriera anziché alla fine sarebbe stata una grande fortuna”.

Dopo il fallimento mondiale, Migliaccio torna come tutti sui modelli positivi del fronte interno come basi da cui ripartire: “L’Atalanta investe da sempre nel settore giovanile, per me è un orgoglio farne ancora parte e veder crescere questo progetto che è un modello di formazione e crescita. E poi c’è lo stadio di cui stanno parlando un po’ tutti”. Alla richiesta di un nome per risollevare le sorti del calcio italiano, a titolo di vertice della Federcalcio, tra Arrigo Sacchi, Roberto Baggio, Demetrio Albertini e Paolo Maldini, l’ex ragazzo cresciuto nel Savoia non ha esitazioni su quest’ultimo: “La sua è una figura che mi affascina molto da quando ci giocavo contro. Servono persone competenti in un momento in cui il ricambio generazionale è la prima cosa”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da News