Resta in contatto

News

La Primavera non passa a Napoli: 2-2

Napoli – Atalanta 2-2 (1-1)
NAPOLI (3-4-3):
Schaeper; Marie Sainte, Esposito, Bartiromo; Mezzoni, Abdallah Basit (30’ st Micillo), Otranto, Senese; Russo, Gaetano (41’ st Sgarbi), Zerbin (18’ st Palmieri). In panchina: D’Andrea, Calvano, Coglitore, Energe, D’Alessandro, Pirone, Catavere, Maisto, Serrano. Allenatore: Loris Beoni.
ATALANTA (4-3-3): Carnesecchi; Del Prato (36’ st Zortea), Alari, Guth, Migliorelli; Kulusevski (41’ st Peli), Bolis, Colpani; Elia (18’ st Nivokazi), Barrow, Mallamo. In panchina: Vidovsek, Carminati, Rinaldi, Pagliari, Chiossi, Rizzo. Allenatore: Massimo Brambilla.
Arbitro: Ayroldi di Molfetta (Laudato di Taranto, De Palma di Foggia).
RETI: 19’ pt Gaetano (N), 27’ pt Mallamo (A), 23’ st Kulusevski (A), 27’ st Gaetano (N).
Note: ammoniti Senese, Bolis e Russo. Corner 2-5, recupero 1’ e 4′.

Sant’Antimo (Napoli) – Il Napoli frena la marcia dell’Atalanta Primavera, capolista (21 a 19) almeno fino a domenica quando l’Inter affronterà in casa il Torino per provare il sorpasso in classifica. Al 4′ l’inserimento con tiro di Colpani sul via libera di Barrow, Schaeper si rifugia in angolo. Il brasiliano Rodrigo Guth, campione sudamericano Under 17, dopo aver salvato un gol fatto di Russo al 9′ sul retropassaggio sbagliato di Migliorelli entro una decina di minuti fa un assist involontario a Gaetano che gela Carnesecchi dribblandolo per il vantaggio. Otto minuti e Mallamo fa 1-1 a giro sfruttando l’apertura di Bolis. I Ciucci spingono e il portiere cesenate deve dire di no alla botta dal limite di Zerbin (28′) agevolata dal filtrante di Basit. L’autore dell’1-1 ci ritenta al 34′ trovando l’opposizione del portiere locale, poi lesto a evitare il tap-in di Bolis sulla palla dalla bandierina sfuggitagli.

I nerazzurrini appaiono distratti dietro e il terzino sinistro a una cinquina dalla pausa dimostra di non avere proprio la misura del passaggio: Gaetano arriva indisturbato davanti a Carnesecchi dopo l’uno-due con Zerbin ma si vede rintuzzare la minaccia. Nella ripresa il forcing atalantino produce uno slalom di Kulusevski frenato da Schaeper (11′) e il palo esterno da fuori di Colpani (13′), Barrow segna pure (17′) ma il direttore di gara annulla ravvisando l’irregolarità della rimessa in gioco da calcio di punizione, battuto senza il suo assenso.

Siamo al botta e risposta numero due del pomeriggio: al 23′ Kulusevski riceve da Del Prato e, saltati Senese e Basit, indovina il diagonale vincente, ma un poker di corsette di cronometro più tardi la serpentina del bomber azzurro innescato da Russo culmina col tacco del due per tutti. Al 37′ Colpani riesce a non inquadrare la porta a tu per tu con l’estremo napoletano, al novantesimo l’omologo dei bergamaschi abbassa la serranda su Palmieri, imbeccato dal calcio franco di Marie Sainte. Ora due gare-due ospitando l’Udinese tra Coppa Italia (mercoledì) e campionato (sabato).

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da News