Resta in contatto

Approfondimenti

Il calendario dell’avvento atalantino

Tra quattro giorni il mese di novembre si concluderà e tanti bambini inizieranno ad aprire le finestrelle del calendario dell’avvento. Ventiquattro sezioni numerate, che ogni mattina regaleranno una dolce sorpresa per il palato. Il calendario che avvicina la Dea al Natale non è però così scontato: dietro ogni finestrella c’è una partita, ma il cioccolatino dei tre punti va conquistato con le unghie e con i denti per 90’. Non saranno ventiquattro (per fortuna) le gare che attendono l’Atalanta, ma ‘solo’ sette: Benevento (se anticipiamo un po’ l’Avvento), Torino, Lione, Genoa, Coppa Italia, Lazio e Milan. Quanti cioccolatini la squadra di Gasperini mangerà alla fine di queste partite? Ad occhio e croce, due sembrano assicurati: battere il Benevento in casa e il Genoa a Marassi sulla carta è impresa semplice. A Torino invece, la Dea potrebbe incappare in un pareggio, anche se Belotti ultimamente ha perso un po’ di lucidità e cinismo. Il Lione d’altro canto vuole batterci per rivendicare il pareggio che la Dea gli ha inflitto all’andata e, soprattutto, vuole prendere il comando del girone. Ma anche noi abbiamo lo stesso obiettivo e in più giocheremo tra le mura ormai amiche di Reggio: anche in questo caso potrebbe finire in parità. In Coppa Italia faremo turnover, Gasperini non ha speso ancora parole su questo impegno e non si sa quanta priorità darà al match, ma sicuramente vorremo fare bella figura e conquistare i tre punti almeno nella prima partita. Infine, la sconfitta a Roma vista la grande forma del team di Inzaghi purtroppo è da mettere in conto, così come a Milano potrebbe essere dura per la voglia di rivalsa di Montella: queste gare se non affrontate nella maniera giusta potrebbero dare al Natale un sapore (dal cioccolatino) amaro. Undici punti in sette partite vogliono dire ventiquattro punti in classifica (esclusa la Coppa Italia): non male, ma l’Atalanta a Liverpool ha dimostrato che sa andare oltre i calcoli. Intanto, domani sera, la Dea può iniziare a scartare la prima finestrella per una dolce sorpresa.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da Approfondimenti