Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

La destra al potere: Contratto-Castagne, candeline per due

Uno si guadagnava il pane da professionista quando gli esterni si dividevano ancora in ali tornanti e terzini, l’altro fa il pendolino bifase in un 3-4-1-2 ultramoderno. La cifra del calcio in costante cambiamento: dagli anni ottanta sparagnini all’italiana, con le marcature rigorosamente a uomo e il numero di maglia a definire già la posizione in campo, all’epoca attuale con le personalizzazioni sulla schiena e le alchimie tattiche sempre pronte a provocare deflagrazioni sullo scacchiere del nemico. Il destino li ha accoppiati solo nel compleanno, nel piede e nella fascia preferita, Renzo Contratto e Timothy Castagne, i due atalantini che oggi condividono le candeline.

58 da una parte, 22 dall’altra, per chi ha fatto della destra una ragione di vita professionale. Solo sui prati verdi di serie A e delle coppe europee, per carità. Il torinese di Borgaro cresciuto nel Barcanova, diventato grande nella Fiorentina dopo gli anni di apprendistato tra Mantova, Alessandria e Pisa, nerazzurro felice tra Emiliano Mondonico, Piero Frosio e Bruno Giorgi tra 1988 e 1991 prima della chiusura della carriera con Udinese e Alzano Virescit, ha iscritto il proprio nome nelle due avventure in Coppa Uefa del 1989-1990 e 1990-1991. Ovvero il primo turno con uscita immediata contro lo Spartak Mosca e i famosissimi quarti di finale con l’Inter di Giovanni Trapattoni, l’ultima volta della Dea sul palcoscenico continentale prima dell’epopea gasperiniana. 2 presenze più 8 (10 in viola, tra De Sisti, Valcareggi e Bersellini), che assommate alle 87 del triennio di campionato e a quelle in Coppa Italia fanno 114.

Se ai giorni nostri il più classico dei numeri 2 fa il procuratore sportivo con successo, nella Contratto & Goller insieme al socio Andreas Goller, rappresentando fra gli altri Dries Mertens, Mattia Destro, Davide Astori e Davide Santon, il belga di sangue vallone col 21 sul retro è appena allo start di una parabola che sembra promettere bene. E non solo nel suo ballottaggio eterno con Hans Hateboer, il tulipano con le spine nel piede quando si tratta di tirare in porta. Perfino quando viene dirottato a mancina per l’indisponibilità del titolarissimo della zolla Leonardo Spinazzola, vedi battesimo del fuoco in Europa League – già 12 allacciate di scarpe in maglia Genk – il 14 settembre scorso al Mapei Stadium contro l’Everton. Se sta sulla sua corsia prediletta, però, fa ancora meglio, tipo metterla in mezzo per il rompighiaccio di Bryan Cristante nella manita sporca a Goodison Park. E che nessuno osi sottolineare che alla corte di Zingonia c’è arrivato solo per il cuore matto del connazionale del Gent Thomas Foket. Tanti auguri a due campioni così uguali e tanto diversi lo stesso.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da News