Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rubriche

Atalanta-Lione, le pagelle nerazzurre

Ecco le pagelle nerazzurre di CalcioAtalanta.it al termine del successo dell’Atalanta che batte anche il Lione grazie alla rete di Petagna e conquista il primato solitario del Girone E di Europa League.

Berisha 6,5: con bravura e fortuna si salva sulla doppia conclusione di Mariano Diaz. Tutto il resto è ordinaria amministrazione.

Toloi 7: a volte elegante, altre rude, ma pur sempre efficace. Fa buona guardia nelle retrovie, prezioso e utile quando si lancia in avanti.

Caldara 7: ma che bravo. Riscatta l’insufficiente prestazione contro il Torino con una prova di sostanza contro il Lione. Sempre in anticipo, gioca con personalità senza farsi intimorire dai blasonati avversari.

Masiello 7: duella con rivali dieci anni più giovani e li tiene a bada con intelligenza ed esperienza.

Hateboer 6,5: parte timidamente, ma cresce con il trascorrere dei minuti. Sfrutta la propria fisicità  e la propria corsa per tener testa ai velocisti francesi.

Freuler 6: generoso in mezzo al campo, a tratti è però il meno lucido dei nerazzurri. Rimedia un’evitabile cartellino giallo.

Cristante 7: Gasperini opta per Bryan in mediana e il centrocampista ricambia prendendo per mano il centrocampo. Non perde un pallone, prova a inserirsi, si fa valere fisicamente. Che altro chiedere? (42’st De Roon sv).

Spinazzola 7: disputa un primo tempo da padrone assoluto della corsia di sinistra. Mette diversi palloni interessanti e da uno di questi nasce la rete di Petagna. Nella ripresa è maggiormente costretto alla fase difensiva, ma se la cava egregiamente.

Ilicic 6,5: gioca a intermittenza, ma quando si accende sono dolori per i difensori francesi. Rischia di far male con un paio di accelerazioni in cui salta tre uomini ma non inquadra lo specchio della porta (38’st Palomino sv).

Petagna 7: quasi non s’accorge di aver segnato, ma poco importa: l’importante era che il pallone avesse varcato la linea di porta. Fa a sportellate con gli avversari, apre spazi ai compagni. (30’st Kurtic sv).

Gomez 7: per fortuna si diceva non fosse al cento per cento. Quando ha la palla fra i piedi fa letteralmente ammattire la retroguardia francese. Habemus Papu.

Gasperini 9: aveva detto di voler puntare al primo posto e mantiene la promessa. Disegna un’Atalanta offensiva, ma equilibrata e interviene nell’ultimo quarto d’ora apportando le necessarie modifiche. Qualche mese fa il primo posto era solamente un sogno. Un sogno che oggi si è trasformato in realtà.

11 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

11 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da Rubriche