Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Approfondimenti

Non solo Gasp: quanti allenatori tra i doppi ex

C’è il Gasp col suo pupillo Masiello, d’accordo, ma il discorso mica si esaurisce lì. Fosse solo il ritorno alla base del profeta di due cicli indimenticabili, il tema di un confronto tra cuore e campo che reclama i suoi amarcord. E stavolta chiama in causa i colleghi del passato più o meno remoto dell’artefice del Progetto Zingonia da esportazione. Sono dodici su settantuno. Nella lunga lista dei doppi ex di Genoa e Atalanta, il match dell’apericena di lunedì 11 dicembre, la rappresentanza di chi s’è accomodato su entrambe le panchine è davvero foltissima. Segno che a dispetto del palmarès, che per il Grifone parla di sette scudetti, tutti conquistati però prima dell’istituzione della serie A a girone unico nazionale (1929), le due squadre specialmente dal secondo dopoguerra hanno compiuto un percorso simile, rispettivamente da ex potenza regionale decaduta e da provinciale di lusso.

Con le stesse esigenze, ovvero salvarsi o stupire o quantomeno provarci, è giocoforza che l’uomo da mettere in sella dovesse e debba essere a misura di piazza, ambiente, potenzialità dell’organico, obiettivi stagionali e dimensioni societarie. Ecco dunque Gian Piero Gasperini e la sua specialità, la qualificazione all’Europa League, il traguardo a sorpresa conquistato a Genova una volta per ciascuno dei suoi due atti pluriennali senza la possibilità di giocarsela una seconda volta e quindi riacciuffato a Bergamo. Non erano mai approdati ad alcunché di simile i vari Bolchi, Bonizzoni, Delneri, Gei, Mandorlini, Puricelli, Reja, Rossi, Viciani e Tabanelli. Quest’ultimo, nondimeno, era in sella ai nerazzurri del trionfo in Coppa Italia del ’63: l’unico trofeo in bacheca. Quanto a Bruno Giorgi, invece, fu proprio lui a concludere l’ultima Coppa Uefa atalantina, ai quarti con l’Inter, nel marzo del 1991: l’aveva cominciata Piero Frosio, c’era arrivato Emiliano Mondonico. E ora, da Acquafresca a Zukanovic, ecco chi ha indossato i colori sociali di ambo le contendenti della sedicesima giornata a “Marassi”.

A-C Robert Acquafresca (a, 1987 – 09/10 At, 10 Ge), Andrea Agostinelli (c, 1957 – 82-85 At, 87/88 Ge), Giuseppe Biava (d, 1977 – 08-10 Ge, 14/15 At), Davide Biondini (c, 1983 – 12 e 13/14 Ge, 12/13 At), Sasa Bjelanovic (a, 1979 – 03/04 Ge, 10/11 At), Richmond Boakye (a, 1993 – 9-11 Ge, 14/15 At), Bruno Bolchi (c, 1940 – 64/65 At; all. 80/81 At, 99-01 Ge), Fabio Bonci (a, 1949 – 73/74 At, 75/76 Ge), Ivano Bonetti (c, 1964 – 84/85 e 97-99 Ge, 87-88 At), Ermelindo Bonilauri (d-c, 1912 – 31-37 Ge, 37-43 At), Luigi Bonizzoni (all., 1919 – 54-57 At, 65/66 Ge), Marco Borriello (a, 1982 – 07/08, 12/13 e 15 Ge, 16 At), Mario Bortolazzi (c, 1965 – 89/90 At, 90-98 Ge), Davide Brivio (d, 1988 – 08 e 16/17 Ge, 12-14 e 15/16 At), Pierluigi Brivio (p, 1969 – 88/89 At, 02/03 Ge), Nicola Caccia (a, 1970 – 97-00 At, 03-05 Ge), Salvador Calvanese (a, 1934 – 59/60 Ge, 62-64 At), Michele Canini (d, 1985 – 03/04, 13 e 13/14 At, 12/13 Ge), Ennio Cardoni (d, 1929 – 53-56 Ge, 57/58 At), Filippo Carobbio (97/98 At, 07 Ge), Valerio Cassani (a, 1922 – 42/43 At, 52/53 Ge), Alessio Cerci (a, 1987 – 08/09 At, 16 Ge), Carlo Ceresoli (p, 1910 – 28-32 At, 39-41 Ge; all. 52/53, 63/64 e 68/69 At), Silvano Chiumento (c-a, 1934 – 51-53 Ge, 58/59 At), Gianni Comandini (a, 1977 – 01-03 e 04 At, gen 04 Ge).

D-M Luigi Delneri (all., 1950 – 07-09 At, 12/13 Ge), Roberto Donadoni (c, 1963 – 81-86 At; all. set 03 Ge), Sergio Floccari (a, 1981 – 02/03 e 09 Ge, 07-09 At), Paolo Foglio (d, 1975 – 96-98 e 02-03 At, 04 Ge), Giovanni Gaddoni (a, 1914 – 40-42 At, 46/47 Ge), Serge Gakpé (a, 1987 – 15/16 e 16 Ge, gen 16 At), Gian Piero Gasperini (all., 1958 – 03-10 e 13-16 Ge, 16- At), Renato Gei (all., 1921 – 62/63 Ge, 69/70 At), Carmine Gentile (d, 1954 – 81-83 Ge, ott 83-88 At), Bruno Giorgi (all., 1940 – gen 91-92 At, 92 Ge), Giacinto Goldaniga (a, 1927 – 50-52 At, 52/53 Ge), Bruno Gremese (c, 1927 – 48/49 At, 51-55 Ge), Abdoulay Konko (d-c, 1984 – 00-02, 07/08 e 10/11 Ge, 16/17 At), Antonio Maggioni (d, 1946 – 69-73 At, 73/74 e 76-78 Ge), Giorgio Magnocavallo (d, 1957 – 78/79 Ge, 81-85 At), Oscar Magoni (c, 1967 – 92-95 At, 95/96 Ge), Stephen Makinwa (a, 1983 – 04/05 Ge, gen 05 At), Andrea Mandorlini (d, 1960 – 80/81 At; all. 03-04 At, feb 17 Ge), Mario Manera (d, 1947 – 71-73 Ge, 73/74 At), Thomas Manfredini (d, 1980 – 07-12 At, gen 13-gen 14 Ge), Luigi Manueli (c-a, 1953 – 77/78 At, 79-81 Ge), Andrea Masiello (d, 1986 – gen 07-geno 08 Ge, 11- At), Davide Micillo (p, 1971 – 94/05 Ge, 96/97 At), Marco Motta (d-c, 1986 – 04/05 At, gen 14 Ge), Giuliano Musiello (a, 1954 – 72/73 e 74/75 At, 78 e 79/80 Ge), Massimo Mutarelli (c, 1978 – 94-98 e 11/12 At, gen 98-02 Ge).

N-Z Marco Nappi (a, 1966 – 88/89, 93-94 e 95-99 Ge, 99-01 At), Marco Pacione (a, 1963 – 81-85 At, 90-92 Ge), Alberto Paloschi (a, 1990 – gen 11 Ge, 16/17 At), Pietro Pastorino (c, 1913 – 30-32 e 33/34 Ge, 37-38 At), Jan Peters (c, 1954 – 82-85 Ge, 85/86 At), Bruno Petroni (a, 1941 – 64/65 At, 66-68 Ge), Mauricio Pinilla (a, 1984 – 14 e gen 17 Ge, gen 15-16 At), Ottorino Piotti (p, 1954 – 84-90 At, 90/91 Ge), Luciano Poppi (d, 1945 – 65/66 Ge, 66-70 At), Ettore Puricelli (all., 1916 – set-ott 65 At, 78/79 Ge), Roberto Rambaudi (c-a, 1966 – 92-94 At, 98/99 Ge), Edoardo Reja (all., 1945 – gen-mar 03 Ge, mar 15-16 At), Roberto Rigotto (a, 1942 – 67/68 At, 69/70 Ge), Delio Rossi (all., 1960 – 99/00 Ge, 04/05 At), Stefano Rossini (d, 1971 – 96-97 At, 98-01 e 02/03 Ge), Franco Rotella (c, 1966 – 83-90 Ge, 94-97 At), Gleison (Pinto dos) Santos (d, 1981 – 02-05 At, 07/08 Ge), Dario Savio (a, 1912 – 31-34 Ge, 36-38 At), Andrea Sottil (d, 1974 – 96-99 At, 04/05 Ge), Paolo Tabanelli (c, 1915 – 40-43 e 46-48 At; all. 62/63 e 67/68 At, feb 67 Ge), Vincenzo Traspedini (a, 1939 – 69/70 At, 71-73 Ge), Sebastiano Vecchiola (c, 1970 – 94/95 At, 98/99 Ge), Corrado Viciani (c, 1929 – 56-58 Ge; all. set-dic 69 At), Nicola Zanini (c, 1974 – nov 97-99 At, 04/05 Ge), Francesco Zanoncelli (d, 1967 – ago-ott 89 At, 00/01 Ge), Ervin Zukanovic (d, 1987 – 16/17 At, 17- Ge).

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da Approfondimenti