Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Approfondimenti

Atalanta, col Milan mai di dicembre (tranne una)

Corsi e ricorsi, nella storia dell’uomo in generale e del calcio in particolare, sono il pane quotidiano con cui pasteggiano studiosi, statistici e… gufi. Già, perché il rischio di portare rogna è pressoché assicurato, allorquando si va a ritroso nella lunghissima teoria dei precedenti tra Milan e Atalanta finendo per scoprirne delle belle. È la prima volta, a quanto pare, che la sfida nella tana dei rossoneri cade all’antivigilia di Natale ma ben l’ottava in dicembre, dal 1937 ai giorni nostri. E tralasciamo la primissima del 14 dicembre 1919, sul campo di Gorla a Milano, una manita sporca (doppiette di Varese e Ferrari e gol di Roghi per i locali, Luigi Pianetti per gli orobici) solo perché si trattava di Prima Categoria, quando la massima serie a girone unico nazionale era ancor meno di un’ipotesi.

Inutile sottolineare, viste le premesse, che nelle condizioni di cui sopra i nerazzurri a casa d’altri hanno raccolto un bottino ben magro. L’unica coincidenza già verificatasi è la giornata di campionato, la diciottesima. Due batoste, of course: il 4-1 del 12 febbraio 1956 (prima di ritorno, però: la serie A era a 18) tra la squadra di Ettore Puricelli e quella di Luigi “Cina” Bonizzoni (48′ e 89′ Schiaffino, 51′ Dal Monte, 74′ Nordahl, 87′ Rozzoni) e il tris secco della Befana 2014, con doppietta di Kakà (35′ e 65′) e sigillo di Bryan Cristante (67′).

Che l’ultimo mese dell’anno non dica benissimo per i bergamaschi nei confronti diretti lo testimonia anche l’occhiale del 17 dicembre 2016, ma prima era andata decisamente peggio. Vedi l’ottavo di ritorno di Coppa Italia il 14 dicembre ’99, Bierhoff e doppietta di Guly. Molto meglio il 2-2 in rimonta in stile Liedholm contro Sonetti del 16 dicembre di un quinquennio prima, con Stromberg (67′) e Mimmo Gentile (87′) a rispondere a Battistini (16′) e Virdis (32′).

0-0 anche il 18 e il 3 del ’66 e del ’67, mentre all’inaugurazione del dodicesimo spicchio della torta del tempo nel ’63 Fortunato (Giuliano, Daniele era ancora in fasce) e Bruno Mora firmarono i due punti meneghini. E veniamo all’unica nota lieta di questa sbrodolata a suon di cifre e volti più o meno velati dalla nebbia, come quella che avvolse l’ultima sfida a San Siro. Era il 14.12.1941, campa cavallo. Tripletta di Edmondo Fabbri, futuro ct azzurro della disfatta con la Corea del Nord ai Mondiali del 1966, e gol della bandiera di Boffi. Mario Magnozzi e Janos Nehadoma i coach. Fu anche la prima di nove affermazioni extra moenia col Diavolo. Che la cabala ce la mandi buona. Mettendoci pentole e coperchi…

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da Approfondimenti