Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Approfondimenti

Il fuorigioco – Milan-Atalanta e il cambio dei tempi

I tifosi più storici, quelli che ancora oggi dicono “vado al Brumana a vedere l’Atalanta”, perché quello è il nome che gli è rimasto impresso dello stadio Atleti Azzurri d’Italia, sono soliti raccontarsi spesso gli aneddoti dell’Atalanta che fu, mentre con passo lento ma fiero si avviano verso lo stadio ogni domenica. Nel corso dei decenni quei racconti – di vittorie, sconfitte, gol, rimonte, torti, colpi di fortuna – hanno assunto le sembianze di un mito, di una leggenda che a fine racconto lascia di stucco, ma anche con il dubbio sulla veridicità di quella tal vicenda. Poco importa, sta di fatto che tra gli episodi che più spesso si raccontano ce n’è uno tragicomico e risale alla stagione ’49-‘50.

A Bergamo arriva il grande Milan del trio svedese GreNoLi formato dai tre portenti GrenNordhalLiedholm. La partita parte subito fortissimo con l’Atalanta che si porta in vantaggio, ma viene immediatamente raggiunta sull’1-1 proprio da un gol del trio svedese. I tre prendono coraggio e per qualche minuto iniziano ad attaccare in modo forsennato, arando le fasce e creando una serie infinita di occasioni da gol. La folla, impazzita, ad un certo punto si zittisce.

Ad emergere tra il tifo è il vocione del portierone Bepi Casari, che sporgendosi dal limite dell’area piccola grida “A belase”. In dialetto bergamasco significa “andate adagio” e l’invito – anzi, la supplica – è rivolta a quei tre indemoniati. In tribuna si sorride, ma si trema anche perché quel vocione ha scosso gli animi dei tifosi entusiasti che ora hanno forse un po’ più paura del Milan, già fortissimo. Ma anche gli svedesi devono essere rimasti sorpresi perché da quel momento l’Atalanta prende il sopravvento e vince, clamorosamente, 5-2.

A quasi sessant’anni di distanza, in un altro calcio e in una società profondamente cambiata, le parti si sono invertite. L’Atalanta va in casa del Milan quasi da favorita. La corazzata del Gasp è lanciata, la banda squinternata di Gattuso è chiusa a Milanello da giorni per cercare di capirci qualcosa sul proprio stato di forma. Sia chiaro, non che andare alla Scala del calcio ora sia una passeggiata e non che il Milan non sia da rispettare, ma sulla carta l’Atalanta parte coi favori del pronostico, al limite si parte alla pari.

Come sono cambiati i tempi, che orgoglio poter andare a San Siro con questa consapevolezza nei propri mezzi, puntando a vincere per mettere sotto l’albero un posto comodo sulla poltrona di un’altra Europa momentanea. A sessant’anni di distanza, forse sarà forse Gigio Donnarumma a dover gridare – di certo non in bergamasco, al limite in milanese – a quel fior fiore di trio composto da Peta(licic) di Papu di rallentare le loro avanzate? Caro Babbo Natale, quest’anno siamo stati veramente molto buoni e bravi e allora come desiderio ti chiediamo proprio questo: far tremare il Milan e tornare a casa col bottino pieno.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

La voce dei tifosi: a gennaio almeno 4 dovrebbero salutare

Ultimo commento: "Gran Bazar Atalanta !!! Qui si vende tutto ! Ecco la Politica di rafforzamento di Pagliuca !&"
Brescia-atalanta

Sondaggio a risposta secca: a Gasperini pieni poteri sul mercato, sì o no?

Ultimo commento: "Sembra che molti si siano dimenticati quali siano stati gli acquisti pretesi da Gasperini: Musso (dopo aver fatto fuori gollini, dato via gratis,..."

Gasperini e la rosa troppo lunga: chi deve levare le tende a gennaio?

Ultimo commento: "Boga via perché perde mille palloni e non ne recupera uno. Dannosissimo per l'Atalanta tenere un giocatore così vanifica il lavoro di costruzione..."

“Con Boga è arrivato il dopo Papu?”, il nostro sondaggio

Ultimo commento: "Ma quale Gomez,questo boga corre corre e nulla più alza so' la crapa e arda doe te ndet besot"

Altro da Approfondimenti