Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Bryan elogia Gasperini: “Mi ha fatto diventare Cristante”

Nell’Atalanta pronta a continuare a stupire, nonostante una prestazione individuale negativa contro la Lazio, leggi Milinkovc-Savic che gli andava via da tutte le parti, c’è un jolly che deve al mister il rilancio della classica carriera di precoce esordiente dal grande futuro alle spalle: “Quando ero più giovane giocavo più basso e di sicuro Gasperini più di altri insiste sugli inserimenti dei centrocampisti. Fra dieci anni dirò che è stato lui a farmi diventare Cristante”, parole testuali dell’interessato.

Intervistato dalla Gazzetta dello Sport per l’edizione odierna de “Il cruciverba”, Bryan Cristante ha sottolineato i meriti del suo attuale tecnico, che l’ha lanciato in grande stile dopo il passaggio dal Milan – esordio a 16 anni e 9 mesi in Champions League contro il Viktoria Plzen, il 6 dicembre 2011 – al Benfica e i successivi prestiti a Palermo e a Pescara: “L’ho incontrato a 21 anni, per lui i giovani sono una missione. Jorge Jesus aveva i suoi 11 di 28-30 anni da schierare e con Rui Vitoria non c’è stato feeling. I consigli quotidiani del Gasp non sono generici, sono per te: tu lo capisci e ti senti unico”, prosegue il mediano-trequartista di Casarsa della Delizia.

Parole al miele anche sul collega-nemico di turno del suo mentore in nerazzurro: “A Gattuso come al Milan, che mi ha lasciato libero di crescere altrove, posso dire grazie. Non mi ha mai risparmiato un cazziatone o belle parole: era già allenatore allora, ci riuniva tutti per tenerci sul pezzo”. Infine, un aneddoto semisconosciuto che suona come una prospettiva a breve termine: “Ai tempi della Viareggio Cup mi seguirono osservatori del Chelsea, in Champions League mi ci vedrei: fisicità, contrasti, calcio aperto. Per diventare un falso lento ho fatto allenamenti specifici sulla rapidità e sullo sviluppo muscolare”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da News