Resta in contatto

News

Caldara insegna, a Napoli la mission non è impossible

L’impresa del 25 febbraio scorso come benzina per sgommare sulla pista altrui. E magari tagliare il traguardo delle semifinali di Coppa Italia. Il ricordo della doppietta di Mattia Caldara nel ritorno del campionato 2016-2017 è ancora vivo: è stata l’ultima delle sei affermazioni dell’Atalanta nella tana del Napoli in tutta la sua storia.

Come evidenzia L’Eco di Bergamo di oggi, nelle 55 trasferte bergamasche su 106 sfide complessive le vittorie di casa sono state 37 con 12 pari, ma i precedenti che inducono il minimo sindacale di fiducia non mancano. Ad esempio il 3-1 della banda Colantuono nell’aprile 2012 con Bonaventura, Bellini e Carmona a firmare l’impresa: Marek Hamsik è l’unico superstite in campo stasera. La striscia migliore, con due bottini pieni di fila e un pari, risale alle annate tra il ’96 e il ’99, con i matchball di Filippo Inzaghi e Nicola Caccia e l’occhiale della stagione successiva in serie B.

Se nei faccia a faccia sui due campi il bilancio è di 46 a 37 per gli azzurri, bisogna considerare anche gli scontri nel torneo per cui le contendenti si battono a un quarto alle nove odierne a Fuorigrotta. Sono cinque e i nerazzurri ne sono usciti trionfatori una sola volta, nel 1972/73, gol di Sergio Pellizzaro e Giuliano Musiello per poi fare 1-1 a Bergamo, ma non servì a passare il primo girone eliminatorio. Ci furono in seguito un nullo e un poker di sconfitte (l’ultima nell’ottavo del 15 gennaio 2014: De Luca, doppietta di Callejon e Insigne), ma a ben vedere quelle delle finali 1987 da retrocessi in B vollero dire la seconda partecipazione di sempre alla Coppa delle Coppe.

Lascia un commento

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami
Advertisement
augusto scala piero fanna

Augusto Scala

Ultimo commento: "La fascia all'ombra era la sua miti c o"
glenn peter stromberg

Glenn Peter Stromberg

Ultimo commento: "Il capitano! Fino ad oggi, per me, il simbolo dell'Atalanta stessa...."

Marino Magrin

Ultimo commento: "Lasciamo perdere Doni che le ha combinate troppo grosse, Magrin grande come doti tecniche e umane"

Emiliano Mondonico

Ultimo commento: "Mondo sempre nel cuore....per sempre!!!"

Angelo Domenghini

Ultimo commento: "Un grande ed indimenticabile! In campo bravo, infaticabile, generoso e soprattutto un gentleman!!"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Title

Powered by Pagine Sì!

Altro da News