Resta in contatto

Approfondimenti

Caldara e quella dichiarazione facilmente fraintendibile: prima della Juve vuol finire in bellezza a Bergamo

Mattia Caldara non vede l’ora di iniziare una nuova parentesi della sua vita, quella a tinte bianconere.
Dopo tantissimi anni di Atalanta, quasi quindici, per il centrale di Scanzorosciate la prossima estate ci sarà il trasferimento nella più grande realtà calcistica d’Italia.

Oggi, a margine di un evento a Roma che lo ha visto presentare il suo prossimo percorso di studi presso l’Università LUISS, il ventitrenne orobico ha dichiarato di non vedere l’ora di iniziare una nuova parentesi della sua vita.
Un desiderio legittimo ed assolutamente doveroso per un ragazzo di qualità, che ha stupito tutti sin dalle prime battute della sua carriera tra i professionisti.

Dopo aver fatto bene in B con Trapani e Cesena l’ottimo rendimento si è ripetuto per due stagioni di fila anche nella massima serie, in stadi che hanno scritto la storia del calcio ed in una squadra che ha fatto sognare i bergamaschi.
E se le sue parole di oggi (riportiamo il virgolettato in merito: “Non vedo l’ora di iniziare con l’università e il prossimo anno con la maglia della Juventus”) potrebbero aver fatto storcere la bocca a qualcuno, ecco che va contestualizzato il tutto.
Caldarinho, così come simpaticamente lo soprannominava l’amico Grassi prima di passare al Napoli, ha infatti aggiunto subito dopo: “Ma adesso l’obiettivo è portare ancora una volta l’Atalanta in Europa. Ora ci aspetta la partita col Borussia Dortmund in Europa League e cercheremo di fare un’altra impresa. E anche con la Juve in Coppa Italia ci proveremo fino alla fine”.

Questo lo diciamo perchè spesso, nel’epoca dei titoloni e della breaking news, è facile sollevare polveroni in un nonnulla.
Caldara spera si di ritagliarsi spazi importanti a Torino.
Che non sia impresa facile saranno poi, detto in tono forse molto cinico, “problemi suoi”.
Nel frattempo la testa è sul rientro in campo e sulla chiusura di un’annata che può regalare ancora lacrime di gioia ai tifosi della sua città.

11 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

11 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Voto al mercato: la maggioranza dice 7

Ultimo commento: "Più forti di chi ci vuole morti vinci x noi magica Atalanta folle amore nostro ultras liberi"
ederson calciomercato

Che voto date al calciomercato dell’Atalanta?

Ultimo commento: "La bravura del Mister Gasperini nel proporre i giovani è la forza dell'Atalanta. Eccellente allenatore, grande uomo, vero bergamasco."

“Con Boga è arrivato il dopo Papu?”, il nostro sondaggio

Ultimo commento: "Già. Purtroppo soldi nel c'èsso e tirato lacqua"
Arctos sports partners pagliuca

Di che le responsabilità, se il 2022-2023 sarà senza Europa?

Ultimo commento: "Infatti i oercassi poi hanno venduto la società"
campagna abbonamenti

SONDAGGIO – Sei soddisfatto della campagna abbonamenti?

Ultimo commento: "Stanno aspettando i soldi dagli abbonamenti per fare il mercato???"

Altro da Approfondimenti