Resta in contatto

Approfondimenti

Il Crotone, spartiacque nell’annata record

Quando si pensa all’Atalanta da sogno di Gian Piero Gasperini, è giocoforza ripercorrere con la mente i flash dello spartiacque chiamato Napoli. Quella vittoria di misura firmata all’ombra della Maresana da Petagna, alla prima da titolare del tardivo esordiente Caldara fin lì a digiuno di campo e di Gagliardini, il 2 ottobre del 2016. Nella memoria collettiva, l’inizio di tutto, della Dea formato baby, del calcio spettacolo e della rincorsa all’Europa.

Ma si tende a scordare che la svolta vera, quella che il Papu e Kessie al netto dei futuri moloch li aveva già, coincide in realtà con la rivoluzione tattica della giornata di campionato precedente. La sesta, quella di lunedì 26 settembre giocata in trasferta contro il Crotone, a Pescara perché lo “Scida” era ancora sprovvisto di agibilità. Lo start vero e proprio del 3-4-1-2 con la mezzala Kurtic (ora ci sono Ilicic o Cristante) spostata fra le linee con licenza di attaccare a destra o anche sfondare al centro, accompagnata però dall’obbligo tassativo di appiccicarsi al portatore di palla in fase di non possesso. E lo sloveno segnò pure, di testa, dopo Petagna e il Papu, rendendo un pro forma la zampata di Simy nel finale a ivoriano già espulso per il falciaerba a Dussenne.

L’adozione del nuovo modulo, in quell’occasione virante al 3-4-3 effettivo e rimasto immutato fino a oggi, consentì al Gasp di superare le contraddizioni e gli equivoci del 3-5-2 impostato su Paloschi prima punta, del 4-2-3-1 adottato con Lazio e Torino e del tridente puro sperimentato con D’Alessandro a destra e Pinilla al centro contro il Palermo. Al “Cornacchia” i nerazzurri c’erano arrivati col loro profeta ancora fresco di Genoa in odore di esonero, dopo il ko casalingo coi rosanero del mercoledì prima. La linea arretrata aveva Toloi come perno, la staffetta immediata con Mattia da Scanzorosciate e l’inserimento in pianta stabile del Gaglia fecero il resto. Era il sesto turno, i punti solo tre, frutto della matata al Toro; se i ko con l’Aquila, la Samp e il Cagliari bruciavano parecchio, quello con gli Zamparini-boys aveva acceso la graticola sotto le terga del piemontese in sella. L’acqua per spegnere la brace ce l’ha dovuta buttare lui a secchiate. E quanta ne è passata sotto i ponti…

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Voto al mercato: la maggioranza dice 7

Ultimo commento: "Più forti di chi ci vuole morti vinci x noi magica Atalanta folle amore nostro ultras liberi"
ederson calciomercato

Che voto date al calciomercato dell’Atalanta?

Ultimo commento: "La bravura del Mister Gasperini nel proporre i giovani è la forza dell'Atalanta. Eccellente allenatore, grande uomo, vero bergamasco."

“Con Boga è arrivato il dopo Papu?”, il nostro sondaggio

Ultimo commento: "Già. Purtroppo soldi nel c'èsso e tirato lacqua"
Arctos sports partners pagliuca

Di che le responsabilità, se il 2022-2023 sarà senza Europa?

Ultimo commento: "Infatti i oercassi poi hanno venduto la società"
campagna abbonamenti

SONDAGGIO – Sei soddisfatto della campagna abbonamenti?

Ultimo commento: "Stanno aspettando i soldi dagli abbonamenti per fare il mercato???"

Altro da Approfondimenti