Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Esclusive

Bruniera, l’ex meteora: “Il calcio dell’Atalanta contagia tutti”

“Come calciatore a Bergamo sono stato una meteora, ma l’Atalanta è un pezzo di me. E rimane il fiore all’occhiello in Italia per il reclutamento e la crescita delle giovani leve”. Andrea Bruniera in nerazzurro si è fatto un biennio in Primavera e basta, prima di diventare grande tra Ancona (promozione in B nel 1988, in A tre anni dopo) e Udine (89/90 in prestito) da libero con un passato in mezzo al campo e poi come vice storico di Armando Madonna: “Un amico delle giovanili ritrovato sulla panchina dell’AlbinoLeffe nel 2007: ero già il vice di Elio Gustinetti. L’ho seguito a Piacenza, Livorno e Portogruaro, poi a Lanciano e Pescara stesso ruolo con Marco Baroni. Da tre stagioni rieccoci insieme”.

Due prodotti atalantini alla guida della Virtus Bergamo.
“Siamo compatibili per carattere e metodologia di lavoro. Sono felicissimo di fargli da secondo, lui ha un senso del calcio come pochi altri. Io mi accodo e imparo. Ma in realtà sono cresciuto nel Montebelluna, che aveva un rapporto forte con l’Atalanta: arrivato qui diciottenne, fui parcheggiato nel vivaio. Il mio compagno Maurizio Sandri invece giocò le due stagioni cadette con Bianchi e Sonetti”.

Oggi lei ne compie 54. Negli anni ottanta dal Veneto a Bergamo siete emigrati in parecchi. Quasi tutti della sua generazione.
“Dal Trevigiano in particolare: evidentemente siamo un ceppo solido e valido. Marino Magrin su tutti. Claudio Foscarini e Diego Bortoluzzi pure, Valentino Fornasier dopo di me. Io vengo della stessa società di Domenico Moro che ha due anni di più: ci conosciamo, ma in pratica l’ho inseguito senza mai giocarci insieme”.

Rimpianti per non aver mai esordito in prima squadra?
“Tirando le somme e conscio delle mie possibilità, sono contento della mia carriera. Ho trovato la mia strada altrove togliendomi grandi soddisfazioni. Ho lavorato con due atalantini purosangue come i fratelli Cadè: Giuseppe era l’allenatore della Primavera con cui disputai il Trofeo Dossena nel 1984; tra quell’annata e la prima (sotto Nado Bonaldi) c’erano lo stesso Mindo, i vari Pacione e Donadoni ormai aggregati ai grandi, Consonni, Valoti, Garbelli, Barcella e Maffioletti. Giancarlo invece portò Ancona, dove ancora risiedo, dalla C1 alla B. Rispetto alle figurine Panini di allora ho solo un filo di barba più bianca e molti ricci in meno (ride, ndr)”.

La Bergamo nerazzurra era proprio nel destino
“Mi ha dato tanti amici e buona parte del mio lavoro dopo aver appeso le scarpe al chiodo, ma ancor più la famiglia. Mia moglie Simona è di Ponte San Pietro. Comunque ho allenato anche altrove, da responsabile tecnico tra i professionisti a Fermo e Gualdo e nella Primavera del Verona. Andrea Brighenti, l’attaccante della Cremonese che sta facendo bene in B da neopromossa, è stato fra i miei allievi”.

Va ancora a vedere l’Atalanta?
“Certo, quando gli impegni me lo consentono. È un grande piacere ammirarla in Europa. Questa squadra sta contagiando tutti per il calcio che esprime, non solo chi la tifa. Ed è sempre un pezzo di me, allora come oggi”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da Esclusive