Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Gasperini: “Match non decisivo. Tra Mancini e Palomino…”

Gian Piero Gasperini dà la carica a bordo campo. Archivio CalcioAtalanta

Il tecnico dell’Atalanta Gian Piero Gasperini prepara la sfida di domani pomeriggio tra le mura del Bologna: per la Dea è fondamentale fare punti in trasferta in ottica Europa League

Gian Piero Gasperini traccia in conferenza stampa una panoramica sulla partita che vede impegnata la Dea domani al Dall’Ara contro il Bologna, partendo proprio dal valore della squadra di Donadoni:

BOLOGNA. “Il Bologna non ha trovato la continuità per restare abbastanza in alto in classifica, ma ha valori importanti”.

CALDARA. “Spero che Caldara sia recuperabile già per mercoledì, anche Bastoni è out per domenica. Tredici gare sono tante, abbiamo l’anomalia delle tre trasferte di fila ma quelle a breve non sono ancora decisive. Le vittorie ti portano in alto, ma ogni partita non è o la va o la spacca, c’è equilibrio e si incontrano difficoltà “.

PAPU. “Gomez si è allenato, quest’anno ha avuto delle vicissitudini e non ha potuto avere la stessa continuità in termini di assist, gol e occasioni create. Se fossero entrate le palle con Borussia Dortmund e Juve ora parleremmo d’altro. Dietro è più probabile Palomino di Mancini”.

ATTACCO. “Non capisco la questione dell’attacco senza prime punte, perché nemmeno Petagna e Cornelius sono centravanti classici. Si esprimono meglio fuori dall’area di rigore, anche se hanno caratteristiche per entrarci. Abbiamo cinque attaccanti intercambiabili e a parte Barrow hanno giocato tutti da titolare. Cornelius un po’ meno, ma ha avuto le sue occasioni”.

ASTORI. “La morte improvvisa di Astori è l’aspetto che ha colpito di più ma ha lasciato qualcosa di importante. Ha fatto riflettere tutti creando un’emozione incredibile. Per chi è abituato a giocare ogni tre giorni allenarsi per una settimana intera fa una strana impressione. Per Ilicic in particolare la morte di Astori è stata un colpo, anche perché lui l’ha saputo subito, prima che uscisse la notizia”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da News