Resta in contatto

News

Mangni gioca a Monopoli: “Vorrei segnare di nuovo a Consigli”

Per Doudou Mangni il presente è in C1

L’ala mancina ricorda i tempi della Primavera dopo la ripartenza da Monopoli con umiltà: “Mi hanno accolto benissimo, non mi voleva nessuno”

Il presente di Doudou Mangni si chiama Monopoli. Più che un gioco, l’occasione di ripartire, anche se dalla C1: “L’infortunio al tallone d’Achille che mi ha fatto perdere la prima metà della stagione è alle spalle – ricorda sorridendo a Gianlucadimarzio.com l’esterno mancino classe ’93 cresciuto a Zingonia -. Quando sono arrivato, l’allenatore Giuseppe Scienza mi ha detto che non c’entravo con questa categoria. Io gli ho risposto che non mi voleva nessuno…”.

IL RICORDO. Il 9 giugno del 2013, da fuoriquota, Mangni era nella spedizione dell’Under 19 nerazzurra (allenata da Valter Bonacina) giunta a giocarsi con la Lazio a Gubbio il campionato di categoria. Subentrò a Olausson al 13′ della ripresa. In capo a un paio di minuti, ecco un predestinato al posto di Varano: “Quant’era forte Grassi, ero certo che sarebbe arrivato in alto – ha proseguito l’ex bambino della Calcio Lecco e dell’Olginatese, ex compagno di giovanili di Gagliardini, Caldara e Conti -. Ma batterci allora era molto difficile: non per caso siamo arrivati in finale contro gente come Keita e Cataldi (doppiettista nell’atto conclusivo, tris di Tounkara, ndr)”.

OGGI. 5 timbrate di cartellino, un assist, due gol, l’ultimo nell’1-1 di Reggio Calabria (in precedenza nel poker casalingo al Catania) domenica scorsa al cospetto dell’altro canterano (in prestito) Tiziano Tulissi: “Ne ho sbagliato uno allo scadere, ma sono contento di aver spostato gli equilibri – precisa -. Non ho ancora giocato dal primo minuto perché sono in cerca della condizione ideale, ma ambientarmi non è stato complicato”.

IL FUTURO E IL PASSATO. Modena, Latina, Sanliurfaspor (Turchia), Ascoli e Olhanense le stazioni prima della Puglia (Serie B Portoghese), poi la riabilitazione a Zingonia: “Dovevo riprendermi dall’infortunio, ma ora sono pronto a ripartire da Monopoli – chiude l’ala -. A seguire il mio primo provino c’era Mino Favini, è stato lui a dare l’okay. Giocai contro la prima squadra e feci gol a Consigli. Mi piacerebbe sfidarlo di nuovo, ma devo andare di corsa”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"El Tanque" nerazzurro

German Denis

Prima capitano, poi autentica bandiera nerazzurra

Gianpaolo Bellini

Il Vin Diesel di Bergamo

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement
Piccoli Genoa

Dentro uno, fuori tre: il calciomercato d’inverno va bene così?

Ultimo commento: "Non basta Boga per comporre una formazione vincente,bisogna acquistare giocatori piu' forti e veterani dalle squadre piu' forti ."

“Con Boga è arrivato il dopo Papu?”, il nostro sondaggio

Ultimo commento: "Non penso proprio: Papu era tutt'altro giocatore e più determinante."

Var e arbitri, che gran rottura. Come dovrebbe comportarsi l’Atalanta?

Ultimo commento: "Giuseppe Elia con tutto il rispetto che si merita una turca. “: VAI A CAGARE”"

SONDAGGIO – Viste le condizioni di Zapata, cosa deve fare l’Atalanta?

Ultimo commento: "Ora una parola sola .... svecchiare per ripartire con Mr. Gasperini Forza Atalanta"

Altro da News