Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Approfondimenti

Gollini e il regalo negato (forse)

gollini
Per Gollini compleanno in campo o in panchina?

Il portiere di riserva dell’Atalanta al “Bentegodi” vivrà una domenica particolare. Diventerebbe speciale se Gasperini, in contrordine rispetto alle indicazioni della vigilia, gli regalasse la presenza per i suoi 23 anni

CANDELINE PER L’EX. 30 presenze e 49 reti subìte, due campionati in gialloblù tra 2014 e 2016 prima dell’ultimo viaggio di andata e ritorno per la Terra d’Albione. Pierluigi Gollini, prestito che l’Atalanta prima o poi dovrà riscattare dall’Aston Villa, tra gli ex di turno in casa dell’Hellas Verona è sicuramente il più illustre. Nonché quello che sente davvero la sfida nelle sue corde, aspirando al regalo di compleanno negatogli dalla pretattica a parole di Gian Piero Gasperini (“No, non gioca, anche se quando viene chiamato in causa fa sempre bene”): il 18 marzo, per il portiere bolognese, significa 23 anni di vita.

LA PARABOLA COI GUANTI. Il ragazzo che aveva iniziato a fare sul serio fra i Giovanissimi Nazionali della Spal, passato quindicenne alla Fiorentina e diciassettenne nel Manchester Utd, ha disputato il paio di stagioni succitato facendo le scarpe a gente scafata come Rafael e Benussi, fino all’esordio per indisponibilità di entrambi nella massima serie italiana il 24 settembre 2014, nel 2-2 casalingo col Genoa. L’anno seguente Andrea Mandorlini lo promuove a numero 1 prima dell’avvicendamento con Gigi Delneri: quando si dice la Dea nel destino… Ma l’Hellas ripiomba in B.

BERISHA, FATTI IN LÀ. Nel match del girone d’andata a campi invertiti (25 ottobre ’17), per l’ex portiere della Nazionale Under 21, uno dei sei gettoni da titolare dell’annata in corso al posto del titolarissimo ma anche qua e là titubante Etrit Berisha, cui il nostro aspira in silenzio a fare le scarpe. Con Chievo, Cagliari, Sassuolo (anche in Coppa Italia) e Fiorentina gli altri: 5 gol al passivo.

UN DELFINO IN REGALO. Nel 2016-2017, invece, era toccata a lui contro il Pescara (3-0), alla prima in nerazzurro, il 19 marzo, proprio il giorno dopo il suo ventiduesimo compleanno; poi con la Roma, l’Empoli e il Chievo (nelle ultime due giornate). Poker a tabellino, rete violata solo all’Olimpico. Forza, Gasp, fa’ uno strappo alla regola!

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da Approfondimenti