Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

“Caccia a Bergamo”: gli scherzi del web

Ironie social giocando sul cognome del collaboratore di Montella, ex attaccante atalantino, dopo i botti avvertiti stamattina in mezza Lombardia

Quando il cognome si presta a sfottò e ironie con tanto di figurina esplicativa. Caccia a Bergamo stamattina, poco dopo le 11: ormai lo sanno anche i muri, due botti almeno provocati dallo sfondamento del muro del suono, che hanno fatto tremare porte e finestre fino all’area della Malpensa, seminando panico e la solita ridda di ipotesi tra il complottista e il fantasioso.

Erano due Eurofighter, caccia intercetttori dell’Aeronautica Militare, planati dalla base trevigiana di Istrana per raggiungere un velivolo civile di Air France proveniente da Reunion e diretto a Parigi che non aveva segnalato la propria presenza. Su twitter, invece, poco più tardi è stato il turno dell’altro Caccia, Nicola, il classe ’70 napoletano cresciuto nell’Empoli, famoso per aver giocato anche con Napoli, Piacenza e Ancona.

Un attaccante di classe finissima col difetto di essere un po’ umorale, che fin dai tempi della Fiorentina fa il collaboratore tecnico di Vincenzo Montella, alias l’Aeroplanino. Soprannome che suona come uno sberleffo, alla luce dei fatti odierni umoristicamente accostati a un eroe delle domeniche che in nerazzurro s’era fatto una A da retrocessione con Emiliano Mondonico (e Cristiano Lucarelli) più due cadetterìe con Bortolo Mutti e Giovanni Vavassori con promozione a cavallo del nuovo secolo.

Sette centri al primo giro di corsa, altri quarantuno in seguito, in mezzo a un rapporto di amore-odio con la tifoseria più accanita, pronta a fischiarlo sonoramente contestandogli una certa indolenza come a spellarsi le mani dagli applausi sgolandosi per fargli sentire il proprio sostegno. Niente paura, lui al velivolo del Siviglia e del suo mentore in panchina si tiene ben stretto. Anche se rivederlo sotto i cieli atalantini farebbe piacere a molti che non l’hanno dimenticato.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da News