Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rubriche

L’album dei ricordi – Quant’è difficile attraversare sulle Zebrette

Il raddoppio di Denis il 29 settembre 2013: l'ultima vittoria atalantina contro le Zebrette

La vittoria in casa dei nerazzurri nei precedenti diretti con l’Udinese, nonostante la preponderanza del fattore campo, manca da circa quattro anni e mezzo. Un settebello in B la vittoria più ampia, la beffa di Delneri nello scorso campionato

Parli dell’Udinese, in casa Atalanta, e alla voce sinonimi sul vocabolario di Zingonia compare la parola tabù. Perché è dal 29 settembre del 2013, data che coincide anche con l’ultima vittoria a favore di campo, che sulle Zebrette non si passa proprio. Di lì, cinquina di ko totali, di cui un poker a Nordest e l’ultimo proprio a Bergamo nella passata stagione, l’11 dicembre 2016: lo sgambetto del tris (a uno) del grande ex Gigi Delneri, con Karnezis a parare le mosche (a Gomez, Caldara, Conti e Masiello) aiutato dal montante (Kurtic) e il trio Zapata-Fofana-Thereau (45′, 72′ e 87′) a rendere vano il temporaneo 1-1 dello sloveno ora in prestito alla Spal al 2′ della ripresa, di testa, su angolo del Papu. Inutile sottolineare che a terreni di gioco invertiti storicamente sia sempre andata male: sulle 32 sconfitte nel complesso, 25 a Udine, dove pareggi e sconfitte sono a quota 8 (70 gol a 43 per i nemici di giornata).

L’ULTIMA VOLTA. La doppietta firmata dall’ex di turno (il sesto del girone d’andata 2013/14) German Denis, nell’ultima stagione piena di Stefano Colantuono a Bergamo, è lo spettro che aleggia all’ombra della Maresana: stavolta emulare le gesta del Tanque è d’obbligo, per mantenere il passo nella corsa verso la seconda qualificazione di fila all’Europa League. Allora sotto i cingoli dell’argentino cadde Ivan Kelava, il portiere della squadra di Francesco Guidolin: nel recupero del primo tempo, il tuffo sul corner di Maxi Moralez rifinito dalla sponda di Cristian Raimondi; allo start del secondo, il rigore concesso e quindi annullato dall’arbitro Piero Giacomelli (ci pensa l’assistente Renato Faverani, che poi si sarebbe fatto Germania-Argentina, finale di Brasil 2014, con Nicola Rizzoli e Andrea Stefani) per fuorigioco di Danilo sulla trattenuta di Willy Stendardo e quindi il bis di sinistro al 63′ favorito dallo scavetto di Luca Cigarini.

MASSIMI E MINIMI. Il bottino pieno più eclatante dei bergamaschi fra le mura amiche sui 14 totali (2 in Coppa Italia, nel ’39/’40 e ’05/’06, a fronte di 19 pari e 7 ko; 61-35 il quoziente reti) è il 7-0 cadetto del 27 settembre 1931, sorta di derby magiaro tra gli allenatori Jozsef Violak e István Fögl. Il pomeriggio delle tre doppiette, di Panzeri (21′ e 79′), Sanero (25′ e 51′) e Barisone (76′ e 87′), con Bonello a firmare l’assolo al 66′. Seguono in ordine di ampiezza due trionfi Anni Cinquanta: la manita dell’11 gennaio ’53 (Luigi Ferrero contro Aldo Olivieri; 33′ e 82′ Brugola, 42′, 49′ e 85′ Rasmussen) e il set chiuso parimenti a zero il 18 aprile dell’anno seguente (Giuseppe Bigogno sulla panchina friulana; 4′ Corsini, 38′ e 71′ Bassetto, 47′ e 84′ Rasmussen, 68′ Brugola). Il ko interno più fragoroso, invece, è il 5-1 inflitto da Roy Hodgson a Giovanni Vavassori del 21 ottobre 2001: 5′ e 62′ Jorgensen, 57′ Doni, 76′ Iaquinta, 81′ e 86′ su rigore Muzzi.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da Rubriche