Resta in contatto

News

Auguri a Mancini, il dopo-Caldara dell’Atalanta

Gianluca Mancini esulta dopo il matchball col Chievo: 4 febbraio 2018

Compie 22 anni il centrale valdarnese, una delle sorprese stagionali dei nerazzurri. Un duttile acquisto di prospettiva gettato nella mischia per cause di forza maggiore

9 presenze in campionato di cui ben 6 da titolare, compresa quella da match winner, di pancia, contro il C‍hievo il 4 febbraio scorso. Aggiungiamoci il paio in Coppa Italia con Sassuolo (ottavo) e Juventus (semifinale), più le 4 panchine in Europa League, proprio come con la Fiorentina di Montella nel 2014/15, e tanto dovrebbe bastare per designare Gianluca Mancini come la colonna del prossimo futuro della difesa dell’Atalanta. Che debba ringraziare oppure no la schiena ballerina di Mattia Caldara, con cui comunque ha condiviso la terza linea contro i bianconeri anche nel ritorno della gara di campionato, il neo ventiduenne di Capanne di Montopoli in Val d’Arno, titolare dell’Under 21, sta bruciando le tappe.

IL MANCINI DAL CUORE VIOLA. Cresciuto nel Valdarno Calcio, nel vivaio viola dal 2006 al 2014 segna almeno 80 gol iniziando da centrocampista. Comincia nei Pulcini sotto il suo scopritore Stefano Cappelletti, quindi gioca una stagione con Giovanni Augusti (poi suo mentore anche nei Giovanissimi B), negli Esordienti si trova Vladimiro Carraro e quindi Federico Guidi (ora ct dell’Under 20), poi suo tecnico nella Primavera, nei Giovanissimi Nazionali, dove vince il titolo nel 2011. Nel 2014 partecipa alla tournée di amichevoli spagnole della prima squadra esordendo il 10 agosto col Malaga.

DA BABY PROMESSA A TARDO ESORDIENTE. Due annate a Perugia (che lo riscatta dal prestito dopo la prima) da 30 partite e 1 rete (decisiva, col fianco, a Vercelli, il 28 aprile dell’anno scorso) complessive, sotto Pierpaolo Bisoli e Christian Bucchi, e il 12 gennaio 2017 Giovanni Sartori lo prende lasciandolo in prestito al Grifone una settimana prima di comprare anche il suo ex compagno di giovanili Nicolò Fazzi (ora parcheggiato al Cesena). Il 24 settembre 2017, al 25′ al posto dell’acciaccato Rafael Toloi, l’esordio in serie A in nerazzurro di Mancini, tutto destro a dispetto del cognome, dotato di lancio lunghissimo e forte nel gioco aereo. E adesso, da ammiratore da sempre di Marco Materazzi, un futuro radioso davanti. Tantissimi auguri.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Voto al mercato: la maggioranza dice 7

Ultimo commento: "Più forti di chi ci vuole morti vinci x noi magica Atalanta folle amore nostro ultras liberi"
ederson calciomercato

Che voto date al calciomercato dell’Atalanta?

Ultimo commento: "La bravura del Mister Gasperini nel proporre i giovani è la forza dell'Atalanta. Eccellente allenatore, grande uomo, vero bergamasco."

“Con Boga è arrivato il dopo Papu?”, il nostro sondaggio

Ultimo commento: "Già. Purtroppo soldi nel c'èsso e tirato lacqua"
Arctos sports partners pagliuca

Di che le responsabilità, se il 2022-2023 sarà senza Europa?

Ultimo commento: "Infatti i oercassi poi hanno venduto la società"
campagna abbonamenti

SONDAGGIO – Sei soddisfatto della campagna abbonamenti?

Ultimo commento: "Stanno aspettando i soldi dagli abbonamenti per fare il mercato???"

Altro da News