Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Approfondimenti

Géza Kertész: allenatore dell’Atalanta e martire della patria

Nel ricordo della Liberazione d’Italia, la storia del fu mister orobico e membro della resistenza ungherese.

Il 25 Aprile, giorno fondamentale per la storia del nostro Paese, ha la valenza di simbolo della vittoriosa resistenza militare e politica attuata, durante la seconda guerra mondiale, dalle forze partigiane contro i nazi-fascisti.

È proprio in questi anni, caratterizzati da atrocità e nefandezze, che le vicende belliche si incrociarono con la poco nota figura di Géza Kertész, allenatore, tra le altre, dell’Atalanta (1938-1939).

Nato a Budapest nel 1894, dopo essersi messo in luce con la formazione locale del Ferencváros, il mediano magiaro arrivò in Italia nel ’25, acquistato dallo Spezia.

Dopo un’ annata in Liguria, Géza appese le scarpe al chiodo e intraprese una lunga e fruttuosa carriera da allenatore nel nostro paese. Dalla Salernitana alla Catanzarese, dalla Lazio al Catania, dove conquistò la prima storica promozione degli etnei in B. Nell’annata ’38-39 fu anche a Bergamo: nonostante l’ottima stagione non riuscì, però, a portare la Dea in Serie A, a causa della sconfitta all’ultima giornata contro i rivali del Venezia.

Durante la seconda guerra mondiale, complice l’interruzione del campionato italiano, decise di tornare in patria. Nel ruolo di tenente colonnello dell’esercito, costituì, assieme all’ ex-compagno di squadra Tóth, un’organizzazione di resistenza, salvando decine di ebrei e partigiani dai lager nazisti. A seguito delle diverse delazioni presso la Gestapo, venne arrestato nel dicembre del ’44 e poi ucciso, nell’atrio del Palazzo Reale. Fu fucilato, assieme all’amico Tóth, il 6 Febbraio del ’45: qualche giorno prima della liberazione di Budapest.

Oltre ad essere stato un mister di successo, Kertész è passato alla storia come un martire della patria, recando il messaggio che, di fronte alle ottusità dei totalitarismi, ognuno è chiamato a rispondere alla propria coscienza di essere umano.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Voto al mercato: la maggioranza dice 7

Ultimo commento: "Più forti di chi ci vuole morti vinci x noi magica Atalanta folle amore nostro ultras liberi"
ederson calciomercato

Che voto date al calciomercato dell’Atalanta?

Ultimo commento: "La bravura del Mister Gasperini nel proporre i giovani è la forza dell'Atalanta. Eccellente allenatore, grande uomo, vero bergamasco."

“Con Boga è arrivato il dopo Papu?”, il nostro sondaggio

Ultimo commento: "Già. Purtroppo soldi nel c'èsso e tirato lacqua"
Arctos sports partners pagliuca

Di che le responsabilità, se il 2022-2023 sarà senza Europa?

Ultimo commento: "Infatti i oercassi poi hanno venduto la società"
campagna abbonamenti

SONDAGGIO – Sei soddisfatto della campagna abbonamenti?

Ultimo commento: "Stanno aspettando i soldi dagli abbonamenti per fare il mercato???"

Altro da Approfondimenti