Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rubriche

La penna in trasferta – Terenzi (Città Celeste): “Milinkovic-Cristante, sfida tra presente e futuro”

Il giornalista e conduttore televisivo laziale: “Ottimi rapporti con il procuratore Riso, anche Baselli nel mirino”

Lazio-Atalanta, che partitissima a tre dal gong. L’incrocio tra Champions ed Europa League è anche un bivio del prossimo calciomercato. Le voci sono troppo insistenti per non riecheggiare sui mass media e Federico Terenzi, penna e microfono dell’Aquila in quota cittaceleste.it e Città Celeste Tv (web cittaceleste.tv, canale 669 del digitale terrestre), non fa nulla per diradarle: “Sono fondatissime, anche perché il procuratore di Bryan Cristante, Beppe Riso, è in ottimi rapporti con Lotito e Tare. Domenica la sfida si deciderà a centrocampo: il presente, Sergej Milinkovic-Savic, e il futuro, sempre che qualcuno sborsi sull’unghia i 90 milioni per il serbo chiesti dalla società”.

Dunque non è fantamercato…
“L’interesse esiste ed è esplicito, come quello per un ex atalantino come Baselli del Torino: stessa scuderia. E comunque Murgia non sembra destinato a rimanere, discorso che vale anche per Cataldi: il prestito al Benevento scade a giugno. In mezzo servono comunque rinforzi”.

Ma Sergej rimarrebbe in Italia?
“Nemmeno la Juventus, a cui il giocatore piace, farebbe follie per averlo. Pensare alla Liga spagnola e alla Premier League è scontato. Lotito vuole solo cash, non contropartite tecniche. Ma non è detto che debba lasciare la Lazio per forza: in caso di qualificazione in Champions con la miglior posizione possibile (più introiti dai diritti tv, NdR) la sua partenza non è così scontata, potrebbe rimanere un’ultima stagione”.

La principale delle coppe è un obiettivo che comunque non può sfuggire. La squadra di Inzaghi è a 70 punti con la Roma, l’Inter quinta è a 66.
“Il calendario e le assenze pesanti complicano un po’ la volata finale nelle tre giornate che mancano. Radu e Parolo possono recuperare per Crotone, Immobile al massimo contro l’Inter: come prima punta c’è Caicedo, difficile che entrino in gioco Luis Alberto, che è in ballottaggio con Felipe Anderson, o Nani. Le defezioni rischiano di pesare contro un’Atalanta che ha voglia di stupire e sta portando a termine un’annata eccezionale. Giallorossi e nerazzurri alla terzultima hanno Cagliari e Udinese, non ancora salvi ma sicuramente molto più abbordabili”.

Dunque la chiave sarà lo scontro a centrocampo…
“Proprio tra Milinkovic e Cristante, un’ideale staffetta tra il presente e il futuro dei biancocelesti. Muscoli, fantasia e inserimenti: Lazio-Atalanta si giocherà proprio lì”.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da Rubriche