Resta in contatto

News

Layun ne fa 30: da scarto atalantino a mundialista

L’esterno messicano, ora al Siviglia in prestito dal Porto, gioca largo o da mezzala nella Nazionale di Osorio. A Bergamo due subentri e via: ora è al secondo Mondiale

Un ex nerazzurro al lumicino alla sua seconda rassegna del mappamondo del pallone. E chi se lo sarebbe mai aspettato, gettando lo sguardo indietro su un lasso storico da dimenticare. Miguel Layun oggi compie trent’anni tondi e lo fa da protagonista ai Mondiali di Russia 2018. Con la maglia del suo Messico, largo a destra nel 4-2-3-1 o mezzala da 4-3-3 non importa. Veloce, essenziale, tocco discreto, sempre al posto giusto nel momento giusto. Chi se lo ricorda a Bergamo, però, ha in mente la meteora delle meteore: toccata e fuga nella prima metà dell’annata dell’ultima retrocessione, 2009-2010, quella partita con Gregucci e finita con Mutti passando per un certo Antonio Conte.

IL CARNEADE DA DUE TIMBRATE DI CARTELLINO. Dal bozzolo del Veracruz al rientro in patria da aspirante farfalla all’America, Miguel Arturo Layun Prado – nativo di Cordoba – all’Atalanta non ce la fece proprio a uscire dal guscio. Giusto un paio di comparsate concesse dal futuro ct azzurro: all’81’ sul campo del Chievo al posto di Jaime Valdes quando a Tiribocchi aveva già risposto Pellissier, al 67′ a Cagliari (sotto 3-0, doppio Nené e rigore di Matri nel finale del primo tempo) per Nicola Madonna. Alto a sinistra, alto a destra. 27 settembre e 1° novembre 2009, in mezzo sei panchine. Fine della storia sotto la Maresana.

UNA CARRIERA DI TUTTO RISPETTO. L’infelice e cortissima parentesi bergamasca, a conti fatti, leggi cartellino del Porto e prestito al Siviglia dalla sessione invernale del 2018, a Layun è servita comunque da trampolino. Reduce da 58 gettoni e 1 gol nel suo primo club, ecco i 162 (5 in Libertadores e 3 in CONCACAF Champions League) e 18 nell’America (vinte Clausura 2013 e Apertura 2014) fino a gennaio 2015, i 21 (1) al Watford fino ad agosto, quindi i Dragoes (80 e 11; 16 e 4 in Champions, 2 in Europa League) e gli andalusi (18 e 2). Nella nazionale messicana, ora sotto il ct Osorio, la Gold Cup 2015, 66 presenze e 6 reti. Con Brasile 2014 e Russia 2018 nel carniere. Tanti auguri, caro carneade.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da News