Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Esclusive

Il Mozzanica di Ardito punta sul terzetto: “Il modello è Gasperini”

Eleonora Piacezzi: in caso di virata a tre, sarà lei il perno difensivo dell'Atalanta Mozzanica

Il neo allenatore delle lady atalantine pronto a rivedere le sue idee tattiche: “Il 4-3-3 è la linea guida, ma le caratteristiche dell’organico dicono che si può osare”

“Le mie idee guida sono per il 4-3-3, ma viste le caratteristiche dell’organico il 3-4-3 o il 3-5-2 non sono affatto da escludere”. L’annuncio di Michele Ardito suona come una rivoluzione per l’Atalanta Mozzanica. Il nerazzurro che si tinge di rosa è pronto a ripartire con la retroguardia Gasperini-syle: “Eleonora Piacezzi può fare la centrale con Giulia Rizzon e la nuova Francesca Vitale, dal Milan, ai lati”.

Insomma, un cantiere aperto e non solo per il calciomercato.
“Lavori in corso, diciamo. Mi piace il gioco del Gasp, con le linee molto vicine, aggressivo e dinamico. Lo conobbi quando venimmo a Zingonia per un’amichevole col Como di Fabio Gallo di cui ero il vice, un paio d’anni fa. Perdemmo 2-1 sfiorando il colpaccio. C’era anche Matteo Pessina: che gioia vederlo esordire in Europa League. L’avevo detto che avrebbe dato del filo da torcere a tutti. Prima o poi mi piacerebbe assistere agli allenamenti al Centro Bortolotti, da un tecnico così c’è solo da apprendere”.

La campagna acquisti prosegue senza proclami.
“Ne sono arrivate già sei, un paio non ufficiali: una centrocampista e un’ala, una vera scommessa. Michela Cambiaghi davanti è tornata alla base, l’innesto è Alice Martani, ex Fortitudo Mozzecane, che a oggi si alternerebbe con Giorgia Pellegrinelli da prima punta. Sto comunque cercando una centravanti pura, una boa, che sappia tenere alta la squadra, capace di giocare spalle alla porta. Ma già con queste due attaccanti ci portiamo in casa quasi 70 gol, il loro score nella scorsa stagione”.

Il lavoro di gruppo è ancora di là da venire…
“L’inizio della preparazione è fissato per il 20 agosto e si concluderà alla vigilia della prima di campionato, a metà settembre. Per adesso abbiamo inviato a ciascuna componente della rosa un programma individuale: lo scopo è far partire tutte alla pari”.

Tra tecnico e giocatrici c’è conoscenza reciproca?
“Telefonicamente con tutte quante, ma tra fine luglio e inizio agosto sono in calendario colloqui personali con quelle che non sono ancora partite per le vacanze. Poi ci sono anche situazioni in stand-by come Sara Baldi e Valeria Monterubbiano, in attesa di nuove e di offerte. Oppure che sposino il nostro progetto, che è solido”.

Siete ancora alla ricerca di addizioni?
“In porta è arrivata Diede Lemey da Verona. A parte la prima punta di cui parlavo, serve qualcosa in mezzo. Per le ragazze è diverso dai maschi, anche le trattative sono più laboriose: hanno bisogno di certezze, ci girano intorno, vanno coccolate. Ed è giusto così”.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da Esclusive