Resta in contatto

News

Napoli, primato da rimonta: Milan ko nonostante Bonaventura

Gli uomini di Ancelotti vanno sotto di due gol in casa coi rossoneri ma ribaltano lo score nella ripresa grazie a Zielinski e Mertens. Juve senza affanno nel tardo pomeriggio

Se la Juventus batte la Lazio senza affanno con la più classica delle vittorie all’inglese, per il Napoli la gioia del primato mantenuto è una corsa a ostacoli risolta con un ritorno di fiamma nella ripresa. Il 3-2 inflitto al Milan di Gattuso al “San Paolo”, grazie a un doppio Zielinski e a un Mertens a segno da subentrato illustre, è una dimostrazione di forza che illumina il Saturday Night della serie A.

JUVE, ASPETTANDO CR7. Ronaldo non la mette nemmeno nell’anticipo tardo-pomeridiano, ma per i bianconeri all’Allianz Stadium ci pensano Pjanic e Mandzukic. Il bosniaco infila dal limite alla mezzora raccogliendo di prima intenzione il flipper di testa fra il croato e Wallace sullo spiovente di Bernardeschi, l’assistman involontario del vantaggio azzecca lo stesso spicchio cronometrico nel secondo tempo trasformando nel bis il cross basso di Cancelo spizzato maldestramente di tacco dall’asso portoghese. Ancora a quota zero la banda di Simone Inzaghi.

FUOCHI A FUORIGROTTA. L’ex atalantino (zero minuti invece per Mattia Caldara) Giacomo Bonaventura (out per Cutrone all’81’ a frittata fatta) apre le danze in sforbiciata al quarto d’ora approfittando del tocco all’indietro di Borini sull’asse con la scodellata dalla destra di Suso e Calabria insacca il radente dopo 5′ dal rientro dal tunnel seguendo il lancio di Biglia controllato dallo spagnolo, ma l’ex di turno Carlo Ancelotti dalla panchina tiene sul pezzo i suoi. Che agguantano il pari nel giro di poco grazie al polacco, abile a convertire nel sacco la penetrazione di Callejon dalla destra al 54′ e a incrociare il sinistro al 67′ su un angolo rinviato corto con la fronte da Bakayoko (dentro per Biglia al 58′) e (67′). Ad azzeccare il matchball è Mertens, sostituto dal 64′ di Hamsik per la virata al 4-2-4 di casa: l’altra new entry Diawara, chiamato a rifiatare proprio il doppiettista, ci mette 8 minuti a dare il la alla discesa di Allan che trova il belga pronto alla deviazione (80′) davanti al secondo palo. Diavolo a zero, ma era di fatto l’esordio in campionato causa rinvio dell’impegno casalingo col Genoa settimana scorsa.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement
Arctos sports partners

Di che le responsabilità, se il 2022-2023 sarà senza Europa?

Ultimo commento: "Ogni anno si vendono giovani emergenti e si acquistano talenti non ancora sbocciati ...."

“Con Boga è arrivato il dopo Papu?”, il nostro sondaggio

Ultimo commento: "è ancora sicuro di ciò che ha scritto, ora che siamo all'ultima partita di campionato?"
Piccoli Genoa

Dentro uno, fuori tre: il calciomercato d’inverno va bene così?

Ultimo commento: "Non basta Boga per comporre una formazione vincente,bisogna acquistare giocatori piu' forti e veterani dalle squadre piu' forti ."

Var e arbitri, che gran rottura. Come dovrebbe comportarsi l’Atalanta?

Ultimo commento: "Giuseppe Elia con tutto il rispetto che si merita una turca. “: VAI A CAGARE”"

Altro da News