Resta in contatto

News

Auguri a Centi, meteora nerazzurra con il Cola

42 anni per il centrocampista con sangue sudamericano, protagonista in tono minore della promozione in A nel 2006 agli ordini del tecnico di Anzio

Di cognome fa Centi, come Giancarlo, ex mediano del Como che era il braccio destro sul campo di Mino Favini con compiti di coordinamento del vivaio. Lui, invece, arrivò ancora calciatore da Livorno – città d’origine del padre, la madre è colombiana – nel gennaio del 2006 quando l’Atalanta era in B, insieme a Riccardo Zampagna (da Messina). I rimpiazzi di Mingazzini e Saudati. Una meteora: subito titolare a Verona (matchball di Andrea Lazzari) il 14 di quel mese, di nuovo accanto ad Antonino Bernardini, alias il Professore, il 4 febbraio in casa col Catania (1-2), per poi collezionare un tris di subentri.

CENTI LA METEORA. Uno di passaggio, senza offesa. E non poteva essere altrimenti: dalla natia Armando Picchi alla Spes Borgotrebbia, la squadra del ritiro a 41 estati suonate, Luis Fernando Centi ha indossato venti casacche tonde tonde. E oggi spegne 42 candeline da aspirante tecnico dei più grandi, con recente incarico (2017) nell’Under 15 del Pro Piacenza e il recentissimo ruolo di organizzatore estivo di un torneo per Giovanissimi nell’oratorio piacentino di San Giuseppe Operaio.

REPARTO AFFOLLATO SOTTO IL COLA. Stefano Colantuono, oltre alle due occasioni dal kick off sopra citate, lo utilizzò da cambio in corsa contro Piacenza, Bologna e Vicenza nel finale al posto di Soncin, Ventola e Bombardini. Del resto, con Luca Ariatti a destra e il romagnolo o Lazzari a mancina, il reparto di mezzo era affollatissimo: anche Giulio Migliaccio, Michele Marcolini e Antonino D’Agostino.

IL GIRO D’ITALIA. Cresciuto tra il Picchi e il Piacenza, Centi proseguì poi la carriera da professionista, dipanatasi precedentemente tra Carpi, Ospitaletto, Pro Patria, Varese, Como, Lumezzane e Treviso, con tre ulteriori giri di corsa scarsi con Ascoli, Spal e Gallipoli (da gennaio a giugno). Tutto nei dilettanti il residuo della parabola: Folzano (Prima categoria bresciana, promozione e Coppa Lombardia), Royale Fiore (Promozione ed Eccellenza), Agazzanese (Prima), ancora Royale, Bobbiese, Sannazzarese e Spes, anche come allenatore dei Giovanissimi e della prima squadra.

PER TRE PUGNI DI TROPPO. Da capitano della Spal il focoso Luis Fernando si rese protagonista, tra 30 e 31 gennaio 2009, di un episodio da notte brava. Un’uscita a quattro in discoteca ed ecco un battibecco in piazza con Andrea Santini, figlio del presidente della Carife, lo sponsor della società. L’accusa di quest’ultimo di offendere la maglia riceve come risposta tre pugni da 25 giorni di prognosi. Cinque anni dopo, la condanna a sei mesi con la condizionale per lesioni. Meglio le cifre a pelo d’erba: 325 allacciate di scarpe (solo in 8 in A, in amaranto) tra i pro, 34 gol. Tanti auguri.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Voto al mercato: la maggioranza dice 7

Ultimo commento: "Più forti di chi ci vuole morti vinci x noi magica Atalanta folle amore nostro ultras liberi"
ederson calciomercato

Che voto date al calciomercato dell’Atalanta?

Ultimo commento: "La bravura del Mister Gasperini nel proporre i giovani è la forza dell'Atalanta. Eccellente allenatore, grande uomo, vero bergamasco."

“Con Boga è arrivato il dopo Papu?”, il nostro sondaggio

Ultimo commento: "Già. Purtroppo soldi nel c'èsso e tirato lacqua"
Arctos sports partners pagliuca

Di che le responsabilità, se il 2022-2023 sarà senza Europa?

Ultimo commento: "Infatti i oercassi poi hanno venduto la società"
campagna abbonamenti

SONDAGGIO – Sei soddisfatto della campagna abbonamenti?

Ultimo commento: "Stanno aspettando i soldi dagli abbonamenti per fare il mercato???"

Altro da News