Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rubriche

L’album dei ricordi – Bomber e score pirotecnici: l’Atalanta nella tana del Milan

Nella storia del confronto c’è chi ha segnato a raffica ai rossoneri a casa loro: comandano Fabbri e Sørensen. E qualche volta il risultato ha arriso ai nerazzurri

Dieci vittorie in campionato con quella del 20 dicembre 2017 firmata Cristante e Ilicic. Tanta o poca roba che sia, i bottini pieni dell’Atalanta nella tana del Milan, che non è sempre stata San Siro dal girone unico in avanti, hanno sempre destato sensazione. Ma ogni tot, per illuminare la fantasia dei tifosi, serve una variazione al copione. Bando ai risultati, comunque pirotecnici come si vedrà: parliamo dei bomber da parte bergamasca del confronto extra moenia rossonerazzurro.

FABBRI, IL PRIMO POKERISTA. Nembi sulfurei di guerra sulle imprese di Edmondo Fabbri, futuro ct della Nazionale nel disastro coreano ai mondiali inglesi del ’66. L’anno di grazia per “Topolino”, ala destra col 7 sulle spalle e nel cuore, è il 1941. Il 16 marzo si accoda (83′) a Ciancamerla (rigore al 21′ per fallo di Boniforti) e alla fuga solitaria di Gaddoni (65′) nel tris secco. Il 14 dicembre (mese fortunato?), all’Arena Civica, Boffi (50′) gli rovina solo parzialmente la festa, ma il romagnolo fa tutto lui: 14, 16′ e 46′, tripletta. Raggiungendo quota 4 in due trasferte di fila in altrettante stagioni consecutive. I primi due successi corsari della nostra storia, ottenuti dalla panchina dal magiaro Janos Nehadoma contro Guido Ara e quindi Mario Magnozzi.

SORENSEN, IL PASTORE DA 4 GOL… Due pari e due ko, invece, per l’unico altro pokerista atalantino a casa del Diavolo, la mezzala danese Jørgen Leschly Sørensen detto “Pastùr”, capace di farne uno per quattro annate filate. Pronti, via. 30 ottobre ’49 (allenatori Lajos Czeizler e Giovanni Varglien per la Dea), 2-1 milanista: la apre l’ospite al 37′, nella ripresa la ribaltano Liedholm (3′) e Gren (27′) dal dischetto per il sandwich Saccavino-Dalmonte su Gunnard Nordahl, col fratello nerazzurro Bertil costretto in tribuna dalla mano ingessato. Al ritorno, nel 5-2 del 12 marzo ’50 a Bergamo, doppietta per lui e Caprile e ciliegina sulla torta… di Fabbri, esatto. 20 maggio ’51, 3-3 con la coppia Luigi Tentorio-Francesco Simonetti a dirigere: apre lui (3′), bissa Titta Rota (11′), riduce Gren (16′), di nuovo Rota (28′) e al rientro dal tunnel Liedholm (17′) e il Professore (19′).

…CHE A MILANO NON NE VINCE UNA. 11 maggio ’52, Carlo Ceresoli mister. Leschly, che nel Diavolo vincerà lo scudetto nel ’55, riceve da Jeppson bruciando Annovazzi al 3′; rigore di Burini (6′) per fallo di Cadè su Frignani e 2-1 dello stesso (28′) col Pastore a non rinviare la palla di quest’ultimo, Santagostino (ex) ribalta (30′ e su punizione al 53′), Burini fa 3 al 71′, Nordahl la mette al 74′ e Jeppson a 6′ dalla fine sigla il 4-4 proprio su appoggio del biondo di Odense, coi suoi 52 gol complessivi al quinto posto tra i cannonieri di tutti i tempi della Dea. Non finisce qui: a segno all’ora di gioco (Mario Sperone vs Luigi Ferrero) nel 5-1 sul gobbone del 18 gennaio ’53, ma i padroni di casa debordano sulle ali del doppiettista Burini (il secondo su rigore) e di un triplo Pompierone.

ROSSINI, UN ALTRO CHE HA SEGNATO SENZA VINCERE. Fare doppietta a tiro dell’autorete iniziale di Maldini portando i suoi sul 3-0 in nemmeno mezzora e riuscire a strappare un solo punto. Il tutto nel giorno del suo compleanno numero 25: c’è riuscito il grossetano Fausto Rossini, in acrobazia su cross di Siviglia e di testa servito da Doni, il 2 marzo 2003, in panca Giovanni Vavassori contro Carletto Ancelotti. L’ex Pippo Inzaghi azzecca il diagonale e sul finire di tempo si procura (Tramezzani) il tiro dal dischetto calciato sul legno da Rivaldo; nella ripresa centrano il pari in rimonta Tomasson in mischia (contatto sospetto Gautieri-Inzaghi, che è in offside) e ancora il Re Mida del gol piacentino svettando sul campanile di Rui Costa. Curiosamente, un 3-3 anche nel precedente del 5 novembre 2000 (Vava contro Zaccheroni) dove Doni ne fa un paio e Fausto sganciada terra il provvisorio 3-1.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da Rubriche