Resta in contatto

Approfondimenti

Da De Maio a Orsolini, quante facce conosciute dal Gasp e dall’Atalanta

Orsolini tra Vido e Mancini in Under 21: domenica sarà il rendez-vous col secondo

Il difensore e l’attaccante mancino, ex prestito bianconero ai nerazzurri, sono gli estremi in termini di ruolo del sestetto di volti noti nello scontro di domenica 4 novembre

Il Bologna? Per Gian Piero Gasperini, quasi un déjà-vu, vista la compresenza di Sebastain De Maio e Rodrigo Palacio, colonne di due periodi differenti del suo Genoa al profumo di Europa League. Senza contare Blerim Dzemaili, leader dell’ultimo Grifone dell’uomo di Grugliasco prima di abbracciare Bergamo. Ma scorrendo la formazione, o meglio l’organico agli ordini di Pippo Inzaghi, l’avversario di turno presenta altre facce note a Zingonia e dintorni: Federico Mattiello, ex prestito juventino lasciato un’altra mezza stagione alla Spal dopo l’acquisto, e Riccardo Orsolini, il mancino ascolano che da queste parti ha ballato solo fino al gennaio scorso.

IL GENOA DI COPPE. Palacio, il veteranissimo della partita di domenica 4 novembre viste le 36 primavere abbondanti, era nella coppia argentina dei sogni insieme ad Hernan Crespo nel Grifone che nel 2009-2010 sognò lo scollinamento della fase a gironi di Europa League almeno fino alla remuntada casalinga da ko subìta per mano del Siviglia il 17 dicembre. Una squadra priva dei moloch con cui aveva raggiunto la qualificazione l’annata precedente, Thiago Motta e Diego Milito, ceduti all’Inter per fare cassa. Nel 2010-2011, strade separate fra El Trenza e il Gasp, esonerato dopo 10 giornate a favore di Davide Ballardini. Il mastino francese De Maio, invece, fu l’alfiere difensivo dell’attuale mister atalantino nel triennio 2013-2016, cominciato dal canuto in panchina alla settima al posto di Fabio Liverani. Nel 2014-2015, sesto posto ma niente licenza Uefa.

FACCE DA PRESTITO. Per l’esterno Mattiello, pedina di scambio negli affaroni con la Juve e mai visto sotto le Orobie, e per l’ala o seconda punta Orsolini, ripudiata (9 gettoni, anche in EL a Nicosia con l’Apollon Limassol, 2 novembre) per sovrannumero a metà del 2017-2018 ma sempre apprezzato a livello tecnico e caratteriale, l’istantanea più recente è il confezionamento della seconda e ultima vittoria della banda di Pippo Inzaghi nel corrente campionato. In casa, contro l’Udinese, 2-1 in rimonta il 30 settembre scorso: il primo restituisce la palla al secondo che di destro supera Scuffet, a 8 dal novantesimo, dopo il botta e risposta Pussetto-Santander. E Federico, il pendolino ambidestro di Borgo a Mozzano (Lucchesia) che al Chievo (8 marzo e 19 ottobre 2015) si ruppe la gamba (tibia e perone, by Nainggolan, la prima volta) due volte, aveva aperto le danze la settimana prima nel 2-0 alla Roma, con un sinistro a giro, con score in cassaforte a opera del bomber paraguaiano.

GLI ALTRI. Il ’95 è tanto importante per Superpippo da aver cambiato modulo, da 3-5-2 alla difesa a 4 con gli altri reparti variabili, durante la sua assenza per infortunio muscolare. Ma anche Andrea Poli e Dzemaili lo sono, nell’economia del gioco felsineo, a centrocampo variabile ma con la necessità costante di mezze ali pure. Se però lo svizzero col Gasp aveva disputato l’annata 2015-2016, l’ex golden boy di Vittorio Veneto è legato a ricordi mica troppo simpatici: in rosa, ma inizialmente inutilizzabile, nella toccata e fuga del tecnico all’Inter, con esonero inglorioso il 21 settembre 2011, dopo 4 ko (compresi derby di Supercoppa Italiana e Champions) e 1 pari in casa con la Roma.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Advertisement

“Con Boga è arrivato il dopo Papu?”, il nostro sondaggio

Ultimo commento: "Il giocatore non si discute... classico profilo adatto alle nostre esigenze, potenzialità mai espresse a pieno. Boga, la Dea e Gasp... un mix..."
Atalanta

La difesa, Demiral, Gasperini. Di chi la responsabilità dell’eliminazione dalla Champions?

Ultimo commento: "A mio avviso la responsabilità si deve a tanti fattori, non uno o due.. all'inesperienza di Demiral e Musso in ambito Atalanta, e che non è poco....."
miranchuk

Cosa fare con Miranchuk? Ecco il risultato del sondaggio

Ultimo commento: "Esatto sono tutti allenatori e critici Giusto sostenerlo,questo è forte vedrete,poi si gioca in 11 più i cambi,entra fa vedere la sua classe e si..."

Sondaggio: Ilicic o Malinovskyi, chi vorreste davanti con Zapata?

Ultimo commento: "Quel Narciso ha preso una squadra che lottava per non retrocedere e l'ha trasformata in un esempio conosciuto e studiato in tutto il mondo per..."

Altro da Approfondimenti