Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Primavera, Brambilla: “Vogliamo portarli in prima squadra”

L’allenatore della baby formazione nerazzurra parla della fucina di talenti bergamasca  e dei risultati raggiunti

Dopo un roboante 5-1 rifilato alla Juve e un 6-1 inflitto al Milan, la formazione numero 1 del vivaio nerazzurro è esplosa e la classifica ne è una prova: vetta raggiunta con 22 punti dopo nove giornate, con 28 gol realizzati e solo 8 subiti. L’Atalanta Primavera dimostra di volere il titolo e La Gazzetta dello Sport non ha esitato a intervistare il suo mister (dal 2017) Massimo Brambilla:

AMBIENTE PERFETTO.La crescita dei ragazzi è la priorità, vogliamo averne il più possibile in prima squadra. Staff tecnico, dirigenza e squadra sono un tutt’ uno. Coi giocatori c’è un bellissimo rapporto, anche così si spiegano le prove positive. L’ambiente è perfetto per fare calcio. Il match di Torino ha portato ulteriori conferme. Stiamo migliorando da inizio stagione, ma non fermiamoci”. 

GASPERINI&PERCASSI. “Il risultato conta, ma la priorità è portare tanti giovani nei professionisti, anche attraverso esperienze in categorie minori. Credo valga per tutti i club d’Italia, per noi di sicuro. Ammiro i colleghi che puntano alla prestazione, tra questi Gasperini. Assoluta attenzione verso di noi, conosce alla perfezione ogni calciatore. Al pari della famiglia Percassi, per loro il vivaio non è un costo, ma una risorsa unica”. 

I PROSPETTI MIGLIORI. “Kulusevski deve migliorare, ma può avere un futuro. Colpani, invece, lo conosco dagli Allievi. Ha il calcio in testa e vede la porta. Gli manca qualche chilo. Loro e Piccoli sono quelli di maggior qualità. E non dimentico Del Prato: intelligenza calcistica incredibile. Poi c’è Barrow che con noi grandi cose fino a gennaio, quando fu promosso da Gasperini. Quest’anno è partito forte, poi ha faticato come tutti. Vale la Serie A e questa Atalanta, credo in lui. Bettella invece all’inizio venne in Primavera per 3 gare, il mister voleva vederlo all’opera. Difensore di prospettiva. Infine Valzania e Pessina, stabilmente in Under 21, ma nell’Atalanta davanti hanno De Roon e Freuler, una diga, comunque sono giovani di valore“.

PRIMA SQUADRA.Prima di pensare a una panchina nei grandi devo fare ancora esperienza. Vedremo tra qualche anno. Ora sono felice qui. Per quanto riguarda l’Atalanta e la gara con l’Empoli, penso che un passo falso ci può stare. La rosa è forte”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da News