Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Il Gasp e quelle crepe nella difesa

Nel giro di due turni il reparto arretrato nerazzurro, con 5 gol presi tra Empoli e il Napoli, è precipitato nella classifica di rendimento di serie A

Empoli e Napoli, due ko che fanno male. Perché la classifica dell’Atalanta dice undicesimo posto, a 18 punti, a meno 2 dal settimo posto che significherebbe Europa League (dai preliminari), ovvero il terzetto Roma-Parma-Sassuolo. Ma quella della difesa, è la tesi de L’Eco di Bergamo, preoccupa ben di più: i 5 gol presi nelle ultime due partite hanno fatto precipitare il reparto arretrato dal quinto al tredicesimo posto dell’intera serie A.

LA REGOLA DEL DICIANNOVE. 19 gol subìti a fronte di 26 realizzati, segno che qualcosa là dietro non sta andando per il verso giusto. Tre settimane fa Juventus, Napoli, Inter e Fiorentina avevano incassato meno. A oggi, invece, solo Chievo, Frosinone, Bologna, Empoli, Spal e Genoa ne hanno presi di più. L’Udinese, prossimo avversario, ne ha incassato uno in meno: da quando Davide Nicola siede in panchina ha ottenuto 4 punti tra Roma e Sassuolo mantenendo inviolata la propria porta.

IL PUNTO DI FORZA DEL GASP. La difesa per Gian Piero Gasperini è sempre stata decisiva nell’ottenimento dei risultati. Nel quarto posto del 2016-2017 l’Atalanta poté contare sul quarto reparto del campionato (41). Nella passata stagione, 2 in meno: quinta difesa, settima posizione. Continuando sulla strada attuale, invece, nella prossima primavera si arriverebbe a 52.

I PIU’ E I MENO. Sul piano dei singoli ha pesato l’infortunio al flessore destro di Rafael Toloi, che a Empoli ha giocato solo il primo tempo (0 gol degli avversari). Anche perché senza di lui non c’è nessuno che salga in appoggio alla manovra. Gianluca Mancini non lo vale e Andrea Masiello con lunedì sera è alla seconda di fila sotto standard, dal rigore procurato all’autogol fino alle marcature perse col Napoli.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da News