Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rubriche

Penna in trasferta – Massimo Meroi (Messaggero Veneto): “L’Udinese baderà al sodo”

nicola

L’opinionista vicino alla formazione friulana anticipa le possibili scelte di Nicola che potrebbe schierare lo stesso undici che ha chiuso match in casa del Sassuolo

Manca sempre meno ad Udinese-Atalanta e, come di consueto, analizziamo la situazione in casa della squadra allenata da Davide Nicola con il supporto di Massimo Meroi, giornalista per il Messaggero Veneto.

Che Udinese troveremo domenica?
“Alla Dacia Arena scenderà in campo una squadra ancora convalescente che non sta benissimo dal punto vista fisico. Con l’arrivo di Nicola in panchina è cambiata anche la strategia di gioco. Con Velazquez l’Udinese era maggiormente propositiva, mentre ora si bada di più al sodo giocando in difesa e puntando in contropiede. Con la Roma questa strategia ha dato i suoi frutti, mentre contro il Sassuolo non è andata così considerando che non si è quasi mai tirato in porta”.

Come prosegue la “cura Nicola”?
“Nicola è consapevole che deve essere concreto in virtù anche di un calendario complicato in cui l’Udinese deve fare punti. Dopo l’Atalanta ci saranno l’Inter e tre delicati scontri salvezza con  Frosinone, Spal e Cagliari. Ci sono partite dove si possono fare un po’ di punti al fine di arrivare al giro di boa con un bottino decente”.

A livello di formazione come potrebbero schierarsi i bianconeri?
“Penso che Nicola riproporrà la squadra che ha concluso la partita di domenica a Reggio Emilia. Non ci sarà Berhami, mentre dall’inizio ci sarà Lasagna. Il dubbio è fra Pussetto e Machis anche se non è da escludere che il tecnico dia un occhio anche ai giocatori in diffida e faccia altre scelte”.

Che Atalanta vi aspettate?
“L’ho vista con il Napoli e ha fatto una grande partita, quindi ci aspettiamo quell’Atalanta. Recentemente non ha una tradizione fortunata in casa dell’Udinese, ma è una squadra che gioca benissimo e penso farà la partita”.

Mancherà ancora Ilicic…
“Insieme a Gomez è uno degli uomini chiave. Però non c’era nemmeno contro il Napoli e la sua assenza si è vista fino a un certo punto. Non credo sia la mancanza dello sloveno a spostare gli equilibri in maniera così netta, anche se un giocatore come lui può sempre dare qualcosa in più in qualsiasi momento della partita”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da Rubriche