Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Approfondimenti

Diamo i voti al 2018 dell’Atalanta

Fine anno, tempo di bilanci. Voti e analisi di quanto accaduto in quest’anno solare in casa Atalanta

Con la la fine dell’anno è tempo di tirare le somme. Ecco le nostre pagelle sugli ultimi dodici mesi in casa Atalanta.

Voto 2 alla notte di Copenaghen. Quando torni in Europa dopo ventisette anni sembra un sogno, riuscirci per due anni consecutivi non era nemmeno immaginabile. Ma la traversa di Gomez e il rigore svogliato (per usare un eufemismo) di Cornelius hanno costretto i tifosi al risveglio.

Voto 4 a chi pensava che l’Atalanta avrebbe fatto “la fine del Sassuolo”. A chi pensava che questa squadra non avesse abbastanza attributi per confermarsi. Gli uomini di Gasperini hanno smentito tutti, perché in pochi credevano che al 2019 i nerazzurri ci sarebbero arrivati da settimi in classifica.

Voto 5 a coloro che – forse – non riescono a rendersi conto di quanto sia straordinario ciò che l’Atalanta sta facendo in questi anni. Quelli che alla prima sconfitta parlano di “pensare alla salvezza”. E vengono puntualmente smentiti.

Voto 6 agli avversari. Se l’Atalanta ha ottenuto certi risultati è anche perché tante, storiche big del nostro campionato hanno fatto un po’ di fatica. Dando però un grosso filo da torcere, come nella corsa al settimo posto della primavera scorsa, contro Fiorentina e Sampdoria.

Voto 8 alla squadra, probabilmente la più forte mai passata da Bergamo. La classe di Ilicic e Gomez, la forza di Zapata, la grinta di Freuler e de Roon, la corsa di Castagne, Hateboer e Gosens. La garra di Toloi e Palomino, ma anche di Masiello, Mancini e Djimsiti, che sudamericani non sono. Voto 8 a tutti, dal primo all’ultimo.

Voto 9 a Gasperini. Diciamocelo, se la squadra ha ottenuto certi risultati è soprattutto merito suo. Basta guardare la sua reazione ogni volta che l’Atalanta subisce un gol, vorrebbe sbranare ad uno ad uno i componenti della squadra. Ma a fine partita lo si trova lì, con i suoi ragazzi, a saltare sotto la curva.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da Approfondimenti