Resta in contatto

News

Da Cavani a Kessie: candeline per Corti, scopritore di talenti

62 anni per l’ex mediano di Colognola diventato scout è tornato a Palermo l’estate scorsa. L’affare legato al centrocampista ivoriano si deve a una sua intuizione

Al Centro Sportivo Bortolotti di Zingonia e dintorni ne sono sicuri: è stato Franck Kessie, nell’inverno 2014-2015 per la Primavera, l’ultimo dei colpi, a titolo di grande scoperta e contestuale plusvalenza, regalato all’Atalanta da quello sgamatissimo responsabile scouting rispondente al nome di Giuseppe Corti detto Beppe. Proprio oggi, alla vigilia di Cagliari-Atalanta, compie 62 anni colui che dal 2010 al 2016 fu il numero uno dei reclutatore di talenti in nerazzurro, dall’operazione risalita in serie A all’addio tutt’altro che consensuale nel giugno di tre anni fa. Prima di Valentino Angeloni, ora diesse del Venezia, e Davide Cangini.

VELENO SULLA CODA. Una coda piena di veleni, perché Corti, ancora sotto contratto, all’improvviso se ne tornò al Palermo provocando la reazione del presidente Antonio Percassi in sede di conferenza stampa di presentazione di Gian Piero Gasperini: “Non rispondo a domande su dipendenti dell’Atalanta che lavorano per altre società”. Ma in rosanero, prima di rientrare l’estate scorsa, resistette soltanto un mese prima di salutare in pieno luglio il vulcanico padrone Maurizio Zamparini a braccetto col direttore sportivo Rino Foschi.

FOSFORO IN CAMPO E FUORI. L’uomo di Colognola ha alle spalle un’onesta carriera a pelo d’erba. Da ex terzino nella Stezzanese a centrocampista nelle giovanili nel Milan, prima di una parabola abbastanza lunga con Udinese, Pergocrema, Monza, Genoa, Arezzo, Lazio, Parma, Fiorenzuola e San Paolo d’Argon, appendendo le scarpe al chiodo a 35 anni suonati. Come osservatore nasce proprio all’ombra della Favorita e del Monte Pellegrino: Edinson Cavani è una delle sue scoperte. Che dire? Auguri.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Advertisement
magrin

Marino Magrin

Ultimo commento: "Genova, categoria esordienti, battuta la Lazio in finale e Dossena che non si presenta alla premiazione.... Che bei tempi Marino... Chissà se ricordi..."

Emiliano Mondonico

Ultimo commento: "idem!!! potrei averlo scritto io!"
gianpaolo bellini

Gianpaolo Bellini

Ultimo commento: "È stato un grande giocatore, versatile ed un ragazzo educato, corretto e sempre leader nel nostro spogliatoio...."
augusto scala piero fanna

Augusto Scala

Ultimo commento: "Il primo abbonamento in nord E c'era lui Gusto Capello lungo e corsa da cavallo"

Angelo Domenghini

Ultimo commento: "Sono tifoso del Milan ma da due anni seguo l'Atalanta. Vorrei che il Milan fosse l'Atalanta. Se Atalanta e Milan giocano in simultanea guardo..."

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da News