Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Esclusive

ESCLUSIVA – Daniele Fortunato: “L’Atalanta ha le armi per arrivare in finale”

daniele fortunato

L’ex nerazzurro, volto anche della doppia finale di Coppa Italia del 1996, ricorda quei momenti e prova ad analizzare il match di domani

Il doppio confronto fra Fiorentina e Atalanta riporta tutti indietro nel tempo, per l’esattezza a quella doppia finale di Coppa Italia del 1996 poi vinta dai viola. “Non pensavamo di arrivare sino alla finalissima – ricorda Daniele Fortunato, ma con il passare dei turni l’abbiamo presa bene. Peccato non essere arrivati alla gara di ritorno nelle migliori condizioni fisiche. Ma l’andata ce la giocammo bene, non meritavamo di perdere, ma fu 1-0”.

Cosa è mancato nel match di ritorno?
“Non essere in condizione fu determinante. Giocavamo contro Batistuta, Rui Costa e altri giocatori molto importanti. Peccato, perché poi quando perdi 1-0 all’andata, nel ritorno devi cercare di mettere in difficoltà l’avversario, ma qualche assenza e la forma non perfetta ci impedirono di ribaltare il risultato”.

Pensando a domani, che match prevede?
“Ho visto l’Atalanta disputare un buon primo tempo contro il Torino, ma dopo i gol subiti non è più riuscita a riprendere i ritmi. Ma credo che i nerazzurri abbiano tutti i mezzi per mettere in difficoltà la Fiorentina e non dovrà far altro che ripetere gare già viste più volte durante questo campionato”.

C’è qualche singolo in grado di fare la differenza?
“In una doppia sfida in cui un gol in più o in meno può fare tanta differenza, credo che sarà determinante la fase difensiva. Chi fra le due formazioni riuscirà ad interpretarla meglio, strapperà il pass per la finale. Dalla cintola in su entrambe possiedono singoli che possono risolverla, ma ripeto che sarà fondamentale la prestazione nelle retrovie: lo 0-0 è un risultato ben diverso anche solo dall’1-1”.

Quante possibilità ha l’Atalanta di vincere la Coppa?
“Ad oggi vedo molto equilibrio. Credo che le quattro contendenti abbiano esattamente le stesse possibilità. Non vedo una favorita. Anche se il Milan si trova in un buon momento di forma, credo che Atalanta, Lazio e Fiorentina abbiano tutte le armi necessarie per metterle in difficoltà”.

Invece in campionato su quale obiettivo dovrà concentrarsi?
“Dovrà pensare a fare più punti possibile. Certo, fino a un paio di domeniche fa si stava accarezzando il sogno Champions League, ma già anche l’Europa League sarebbe un gran traguardo. Ora l’Atalanta si concentri a mettere fieno in cascina, poi i conti si faranno alla fine”.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da Esclusive