Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rubriche

Penna in trasferta – Gianni Ceccarelli (Fiorentina.it): “Assurdo giocare il ritorno dopo due mesi”

Il giornalista vicino al club fiorentino ci spiega che aria tira a Firenze e ipotizza l’undici che proporrà Stefano Pioli

Dopo le due battuta d’arresto in campionato l’Atalanta si trova di fronte all’importante semifinale d’andata di Coppa Italia in casa della Fiorentina e con Gianni Ceccarelli, giornalista di fiorentina.it, approfondiamo la situazione dei viola.

Ceccarelli, sembra destino che le sfide contro l’Atalanta si giochino dopo i polveroni della partita precedente. Che aria tira a Firenze?
“Sicuramente non c’è un clima disteso. Un pensiero va anche alle polemiche nate in questi mesi sui rigori e su Chiesa che nacquero da quella famosa affermazione di Gasperini dopo Fiorentina-Atalanta d’andata. Da quel giorno si è innescato un processo che ha preso di mira lui e la Fiorentina. A mio modo di vedere bisognerebbe avvicinarsi in maniera più tranquilla a questi incontri, considerato che la posta in palio è altissima. Ma, nonostante tutto, sono convinto che dopo il fischio d’inizio ci si concentrerà solamente sulla gara”.

Oltre alle polemiche post-Inter, è stata aggiunta la designazione di Doveri…
“Io la interpreto in un modo semplice. Rizzoli ha voluto mettere un internazionale per cercare di dimostrare che Doveri sa dirigere una partita importante. Però sappiamo che i duelli sono tutti diversi e basta una piccola decisione avversa ad innescare polemiche e scintille. Mi auguro che al di là di tutto il match fili via liscio perché si gioca una semifinale di Coppa Italia che ha come protagoniste due squadre che se la possono giocare fino in fondo. L’unica cosa che trovo assurda è la distanza fra la sfida d’andata e quella di ritorno: non possono passare due mesi”.

Tornando al campo, che Atalanta vi aspettate?
“Molto forte. Gasperini, con il nuovo ruolo dato a Gomez come trequartista, dimostra con i fatti di aver portato l’Atalanta ad essere una solida realtà del calcio italiano. Per arrivare sin qui ha superato la Juventus ed è quindi avversario molto ostico che viene temuto. Secondo alcuni opinionisti i nerazzurri rappresentavano l’avversario da evitare proprio per aver eliminato in quel modo i bianconeri”.

Quale potrebbe essere la formazione che manderà in campo Pioli?
“Non si discosterà molto da quella di domenica. Rientrerà Milenkovic al centro della difesa, mentre resta da capire se a destra ci sarà Laurini oppure sarà spostato Ceccherini. Il centrocampo sarà confermato con Benassi, Edemilson e Veretout, mentre davanti c’è il ballottaggio Simeone-Gerson: Pioli deve decidere se partire con il tridente pesante Muriel-Chiesa-Simeone oppure dare spazio a Gerson con Chiesa e Muriel”.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da Rubriche