Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rubriche

Penna in trasferta – Gianni Ceccarelli (Fiorentina.it): “Scontri? Deve emergere la verità”

Il giornalista toscano esprime la propria opinione in merito agli scontri post Fiorentina-Atalanta e analizza la situazione in casa dei viola

Dopo il pirotecnico pareggio in Coppa Italia di mercoledì, l’Atalanta affronterà nuovamente la Fiorentina, ma questa volta sarà in campionato (domenica alle 18) con il duello che andrà in scena a Bergamo. Con Gianni Ceccarelli, giornalista di fiorentina.it, cerchiamo di capire che aria tira in casa viola.

Ceccarelli, come la mettiamo dopo questo 3-3?
“Ho questa sensazione, ma mi posso sbagliare. Il 3-3 avvantaggia indubbiamente l’Atalanta, ma per la mentalità che possiedono entrambe le squadre, questo risultato conta solo fino a un certo punto. A livello di personalità e carattere sono due realtà importanti e anche se in alcuni reparti i nerazzurri hanno maggiori qualità rispetto alla Fiorentina, può succedere ancora di tutto. Il ritorno si disputerà fra due mesi e ci sono molte variabili che possono incidere come un calo di forma o qualche assenza. Senza dimenticare che l’Atalanta ha iniziato prestissimo ad allenarsi e a prender parte a incontri ufficiali, pertanto ritrovarsi a giocare uno scontro decisivo fra due mesi non sarà semplice”.

Per quanto concerne il discorso extracalcistico invece che idea si è fatto?
“Ce ne fossero di spettacoli così all’interno dello stadio. E non mi riferisco solo all’eccezionale coreografia per Astori: ci sono stati cori e sfottò su ambo i fronti, ma tutto rientrante nel clima di una partita di calcio. Quello che successo a chilometri di distanza dallo stadio, con i pullman diretti verso l’autostrada è un qualcosa di inimmaginabile. Ci sono diverse versioni e non si riesce ad avere un’idea precisa della cronologia dei fatti, ma a questo punto deve essere necessariamente emergere la verità e se qualcuno dovesse aver sbagliato, sia su un fronte, sia sull’altro, è giusto che paghi”.

Tornando al calcio giocato, che gara si aspetta domenica?
“Sarà un match strano. Atalanta e Fiorentina hanno dato tanto in campo e sotto l’aspetto fisico qualcuno pagherà qualcosa. Dipenderà molto da quali scelte faranno Gasperini e Pioli nell’undici iniziale. Mi aspetto qualche variante, anche dal punto di vista tattico, da entrambe la parti, ma senza dimenticare che domenica ci saranno in palio punti importanti per la qualificazione europea”.

Quindi quali modifiche potrebbe fare Pioli?
“Sicuramente ci sarà Edimilson dal primo minuto in mezzo al campo al posto di Dabo, poi ci sarà da capire se ci sarà Gerson oppure Simeone sul fronte d’attacco”.

Per la vincente del duello Atalanta-Fiorentina in Coppa Italia, quale sarebbe l’avversario migliore da affrontare?
“Direi il MIlan. Sia per non lasciare un fattore campo favorevole alla Lazio e sia perché a mio avviso la Lazio possiede maggiori qualità rispetto ai rossoneri. Gattuso ha dimostrato di essere un buon allenatore, ma questo è un Milan da battaglia che soffre un po’ quando trova squadre che giocano come Fiorentina o Atalanta”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da Rubriche