Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Zapata, compleanno col bis: il Cafetero del gol

L’investimento più oneroso della storia nerazzurra sta rendendo ben oltre le previsioni: da attaccante a stento da doppia cifra è diventato il potenziale re dei bomber

28 anni oggi. Il Pesce d’Aprile, invece, l’ha infiocchettato lui, a mo’ di regalo anticipato, con la doppietta imbracciata nel territorio di caccia del Parma. Alzi la mano chi a luglio pensava che Duvan Zapata, prima scelta in attacco da doppia cifra finora soltanto con Udinese e Sampdoria al netto dell’Estudiantes in Argentina, a meno 9 dal gong della prima stagione all’Atalanta avrebbe potuto concorrere per il trono dei bomber della serie A. Merito del gioco di Gian Piero Gasperini, ma anche dello sforzo dell’interessato per farselo calzare sui piedi come un guanto.

EL TERNERO, CHE NUMERI! I numeri sono lì sul piatto: 24 palloni nel sacco fino a tutto marzo e quantomeno fino al giovedì nell’infrasettimanale col Bologna, 19 nel solo campionato di cui ben 12 lontano da Bergamo. Un record in mezzo all’annata record di sempre per El Ternero, il Vitello (perché da baby sbuffava d’insoddisfazione a ogni errore sotto porta) di Cali che recentemente ha ritrovato la maglia della Colombia proprio grazie agli exploit in maglia nerazzurra. Andrà a finire che sarà costato meno di 1 milione a gol: 14 per il prestito biennale dai blucerchiati più i 12 previsti a saldo.

MEMORABILIA NERAZZURRE. Per fare un raffronto con i giri di corsa precedenti da quando è in Italia, ovvero dall’estate 2013, il neo ventottenne cafetero ne aveva messi 40 in 5 campionati dal Napoli (Coppa Italia e Supercoppa Italiana 2014) in su. Stavolta giungerà al fotofinish con ben più di metà bottino tutto insieme. Urli di gioia mai banali, vedi doppiette alla Juve il 26 dicembre e il 30 gennaio nel quarto di Coppa Italia, o i 14 a segno in 8 match (17 in 10, trofeo di metà settimana compreso) dal 3 dicembre (al Napoli) al 27 gennaio. Ma la grande storia d’amore mica si chiude qui. O almeno si spera: dei 102 in 304 match da professionista, dall’America de Cali (Clausura 2008) in su, più di un quinto avvolto nella bandiera della Bergamo che stravede per la sfera di cuoi. Tanti auguri.

 

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da News