Resta in contatto

News

Atalanta-Empoli, le pagelle nerazzurre

Migliori e peggiori del match disputato lunedì sera dall’Atalanta contro l’Empoli allo stadio di Bergamo, terminato sul risultato di 0-0

Gollini 6,5: un solo intervento, importante, dopo tre giri d’orologio per dire no a Farias. Per il resto ordinaria amministrazione. Buona sicurezza nel gioco con i piedi.

Mancini 6,5: prestazioni sempre più in crescita per il ragazzotto nerazzurro. Sicuro e pulito negli interventi, senza dimenticare una pericolosità in zona offensiva mai banale. Va vicino alla rete, senza gloria.

Palomino 6: al centro del reparto a tre di mister Gasperini fornisce la solita prova autoritaria e priva di grosse sbavature. Per gli attaccanti toscani è un osso estremamente duro da superare.

Masiello 6,5: esperienza al servizio dei compagni. Riesce a fare sembrare semplici cose che non lo sono. Elemento fondamentale per la parte conclusiva dell’annata atalantina.

Hateboer 5,5: la rete fallita su assist al bacio di Ilicic al 9′ pesa come un macigno sull’economia dell’incontro. Il portiere dell’Empoli gli nega poi la gioia della marcatura nella ripresa. Serata sfortunata.

De Roon 6: fa il suo compito, rispettando le indicazioni dell’allenatore. Distribuisce qualche pallone interessante, ne recupera altrettanti, mostrando una condizione di forma sempre invidiabile. In mediana la sua presenza è quasi vitale.

Freuler 6: meno brillante di altre apparizioni, però si guadagna la pagnotta senza strafare. Era il giorno del suo compleanno, forse si augurava un esito del match ben differente, ma la serata è davvero stregata.

Gosens 5,5: poteva essere l’arma in più sulla fascia mancina, poteva. Perchè la sua gara nel complesso non raggiunge la sufficienza. Troppo timido, da rivedere (15’st Castagne 6: entra con il piglio giusto, portando la freschezza necessaria alla squadra).

Gomez 5,5: lunedì al di sotto delle aspettative per il Papu. Nel primo tempo tenta di creare scompiglio tra le linee, fermato spesso con le cattive dalla difesa empolese. Nella ripresa cala e manda alle stelle una palla d’oro: colpa di una zolla o meno, l’argentino stecca (43’st Piccoli s.v.).

Ilicic 6: senza dubbio il migliore dei tre davanti. Accende la luce ad intermittenza, ma quando lo fa è sempre minaccioso. Dragowski a metà primo tempo è miracoloso per fermare un suo tiro, nel secondo tempo la battaglia continua e l’estremo difensore ospite si esalta.

Zapata 5: una delle peggiori partite del colombiano in maglia Atalanta. Azzecca poco o niente al centro dell’attacco, nonostante i palloni sui suoi piedi non manchino. Una prestazione opaca tuttavia ci può stare all’interno di un campionato da favola. Calo fisiologico (35’st Barrow s.v.).

7 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
7 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Advertisement

Altro da News