Resta in contatto

Approfondimenti

Gasp mette la quarta, per lui Bergamo è l’ambiente ideale

Il tecnico nerazzurro ormai da due anni e mezzo sta facendo scintille a Bergamo e il suo nome è sulla bocca di tutti, ma lui ha altre idee

Un vivaio che cresce a perdita d’occhio- sia per infrastrutture che per talento dei suoi giovani occupanti- una cantera intima e famigliare, dove i problemi si risolvono a quattr’occhi e dove il presidente e la sua famiglia sono i primi tifosi della squadra.

TRE ANNI DI SUCCESSI. E, soprattutto, dove sono ammessi esperimenti e guizzi creativi, supportati dal calore di un pubblico che quasi segue la squadra più in trasferta che in casa. Questo si è ritrovato a Bergamo Gian Piero Gasperini quasi tre anni fa, tanti semi su cui ha dovuto prendere le misure, coltivare sapientemente e con pazienza e che poi hanno iniziato a dare i loro frutti. Adesso che l’Atalanta è in finale di Coppa Italia e in quarta posizione Champions in solitaria- entrambi fatti inimmaginabili non solo tre anni fa, me nemmeno il 31 agosto scorso- tutti vogliono il tecnico Gasperini. Basandosi solo sui risultati, nessuno a pensa che un orso del Polo Nord si sciolga a Dubai o un Re Leone della foresta nello zoo si senta in gabbia.

HABITAT ADATTO. Ogni genio, ogni maestro, ha bisogno dell’habitat adatto: Genova ne è stata la prova, Bergamo la riconferma unità a un pizzico di maturità. I milanisti quindi potrebbero già mettersi l’animo in pace per il dopo-Gattuso: se la Dea riuscirà a mantenere il quarto posto, il Gasp rimarrà a Bergamo. Il suo sogno è la Champions, il suo sogno è una squadra a sua immagine e somiglianza: sotto le Mura orobiche li può realizzare entrambi. Inutile accostare i nomi dei nerazzurri alle ‘Big’, perché ormai è la Dea la Big. Il Milan non ha i(Dea) di gioco, non sparge sudore e spirito di sacrificio, non diverte e non si diverte.

GASP NELLA CANTERA OROBICA. Tutto il contrario del calcio gasperiniano che il Diavolo vorrebbe ma che Percassi si tiene stretto nella cantera bergamasca, nata apposta per essere diretta da uno come Gian Piero Gasperini.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Advertisement

Angelo Domenghini

Ultimo commento: "

Grandissio Domnigo. Decisivo nell'Atalanta, nell'Inter, a Cagliari e in Nazionale, ma anche ai mondiali. Con più fortuna sarebbe forse anche..."

Emiliano Mondonico

Ultimo commento: "Si deve vergognare !!! Non è degno neanche di nominare il nome del Mondo ...assurdo insultare Gasperini , veda di seguire qualche altra squadra ."
augusto scala piero fanna

Augusto Scala

Ultimo commento: "Uno dei maestri del calcio italiano"
magrin

Marino Magrin

Ultimo commento: "Prego, 1-2 : De Bernardi, Magrin e Zobbio per il Treviso : c'ero anch'io, anche a Santangelo Lodigiano ( 0-0 su un campo di patate sotto il diluvio......"

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da Approfondimenti