Resta in contatto

News

Compleanno a Colognola per l’arbitro Mazzoleni: “Ho sconfitto il cancro”

Una sfida più importante per lui, più di quelle arbitrate sui campi di Serie A: la lotta al cancro vinta e l’autobiografia in uscita

“In Milan-Juventus di Coppa Italia, l’8 febbraio 2012, ero a terra. Mia moglie Daiana mi prese per mano e mi convinse a continuare. Arbitrai Fiorentina-Udinese la domenica prima, il lunedì entrai all’Istituto dei Tumori di Milano per l’operazione e per il mercoledì rifiutai il cambio di designazione offertomi dal designatore Stefano Braschi”. Spinosi aneddoti di vita, raccontati a Colognola dall’arbitro bergamasco Paolo Silvio Mazzoleni, oggi 45enne, a margine della presentazione del libro “La mia regola 18”.

Per lui il futuro è chiaro, almeno quello televisivo: “Non so se farò il pensionato o la mia sezione Aia mi darà incarichi. Di sicuro non mi vedrete a commentare i rigori in tv, la categoria arbitri nel piccolo schermo è in overbooking – spiega Mazzoleni – Ho 45 tatuaggi, ma mi voglio tatuare le 210 partite in serie A”.

3 Commenti

3
Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Tanti auguri mazzoleni in bocca al lupo 👍

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Tantissimi auguri 😊

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

In bocca al lupo 💪

Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Title

Powered by Pagine Sì!

Altro da News