Resta in contatto

News

Compleanno a Colognola per l’arbitro Mazzoleni: “Ho sconfitto il cancro”

Una sfida più importante per lui, più di quelle arbitrate sui campi di Serie A: la lotta al cancro vinta e l’autobiografia in uscita

“In Milan-Juventus di Coppa Italia, l’8 febbraio 2012, ero a terra. Mia moglie Daiana mi prese per mano e mi convinse a continuare. Arbitrai Fiorentina-Udinese la domenica prima, il lunedì entrai all’Istituto dei Tumori di Milano per l’operazione e per il mercoledì rifiutai il cambio di designazione offertomi dal designatore Stefano Braschi”. Spinosi aneddoti di vita, raccontati a Colognola dall’arbitro bergamasco Paolo Silvio Mazzoleni, oggi 45enne, a margine della presentazione del libro “La mia regola 18”.

Per lui il futuro è chiaro, almeno quello televisivo: “Non so se farò il pensionato o la mia sezione Aia mi darà incarichi. Di sicuro non mi vedrete a commentare i rigori in tv, la categoria arbitri nel piccolo schermo è in overbooking – spiega Mazzoleni – Ho 45 tatuaggi, ma mi voglio tatuare le 210 partite in serie A”.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da News