Resta in contatto

Approfondimenti

L’Atalanta si presenta ‘amichevole’, l’estate le sorride

Negli ultimi anni la squadra bergamasca ha sempre sfoggiato le sue doti migliori contro le grandi squadre affrontate nel corso dell’estate

Si presenteranno col sorriso questa sera e non ci sono dubbi che non sarà quello tipico e freddo d’ordinanza. I giocatori dell’Atalanta – senza contare quel paio che mister Gasperini conta di vedere quanto prima nella sua rosa nerazzurra- tra poche ore scenderanno in campo in ordine alfabetico per salutare la piazza fremente, desiderosa di vedere di nuovo il gruppo ma, soprattutto, lo stadio in costruzione.

GRANDI ASPETTATIVE. Come nelle ultime due estati, il clima in viale Giulio Cesare è rovente ma denso di aspettative: grazie a un tecnico che ha portato una ventata d’aria fresca, a un patron che piano piano ha saputo costruire (e realizzare) un sogno e a quei giocatori che ormai sono diventati gli eroi di tutti i bambini orobici. Ma ad accrescere sempre di più le aspettative per la stagione a venire, sono state le amichevoli estive, spesso prese sottogamba dalle grandi squadre al contrario dell’Atalanta, che le ha onorate con grandi risultati. Non soltanto nelle gare più ‘scontate’ contro Clusone, Rovetta, Brusaporto, Renate e compagnia bella, ma anche contro le grandi formazioni estere.

CHE ESTATI!. Nell’estate di due anni fa infatti, quella prima dell’Europa League per intenderci, la Dea mise sotto torchio prima il Lille, sconfiggendolo per una rete a zero il 26 luglio, poi nientemeno che il Borussia Dortmund, che si arrese ai nerazzurri sempre per 1 a 0, e infine il Valencia, messo in scacco per 2-1. Lo scorso anno la storia si ripetè, avversari diversi ma 3 punti sempre conquistati dalla Dea: al Trofeo Bortolotti sconfisse per 3 reti a 2 l’Hertha Berlino, prima di eliminare Sarajevo e Hapoel e soffrire di mal di gol col Copenaghen.

TOUR INGLESE. Adesso, alle soglie di un portone chiamato ‘Champions’, l’Atalanta è pronta a presentarsi alle Regine d’Inghilterra (e Spagna): Swansea, Norwich, Leicester, Getafe. Per la Dea è sempre stato vero: ‘Chi ben comincia è già a metà dell’opera’. Così stasera l’Atalanta si appresta a salutare i suoi tifosi col sorriso ‘amichevole’ di chi promette grandi gare e altrettanti risultati.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Advertisement
magrin

Marino Magrin

Ultimo commento: "Genova, categoria esordienti, battuta la Lazio in finale e Dossena che non si presenta alla premiazione.... Che bei tempi Marino... Chissà se ricordi..."

Emiliano Mondonico

Ultimo commento: "idem!!! potrei averlo scritto io!"
gianpaolo bellini

Gianpaolo Bellini

Ultimo commento: "È stato un grande giocatore, versatile ed un ragazzo educato, corretto e sempre leader nel nostro spogliatoio...."
augusto scala piero fanna

Augusto Scala

Ultimo commento: "Il primo abbonamento in nord E c'era lui Gusto Capello lungo e corsa da cavallo"

Angelo Domenghini

Ultimo commento: "Sono tifoso del Milan ma da due anni seguo l'Atalanta. Vorrei che il Milan fosse l'Atalanta. Se Atalanta e Milan giocano in simultanea guardo..."

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da Approfondimenti