Resta in contatto

News

I primi 65 anni di Mutti. Profeta, ma non in patria

Mutti

Candeline per l’ex bomber di Trescore Balneario: tra i protagonisti della risalita dalla C1, sfortunato da allenatore. Una carriera piena di medaglie

16 gol, il doppio del partner d’attacco Carlo De Bernardi. C1, 1981-1982, Ottavio Bianchi in panchina. Bortolo Mutti da Trescore Balneario, oggi 65 anni, faceva il centravanti. Passato alla panchina, invece, sesto posto in B nel 1998-1999 (Cristiano Doni e Nicola Caccia le stelle) e retrocessione dalla A non evitata nel 2009-2010 (il primo la stella, Simone Tiribocchi il tiratore scelto), quando con lui l’Atalanta era al quarto tecnico: 22 punti in 20 giornate, contro gli 0 in 1 di Valter Bonacina, i 13 in altrettante gare di Antonio Conte e gli 0 nelle prime 4 di Angelo Gregucci. Uno spartiacque, comunque, visto che a giugno di 9 primavere or sono la società tornò dai Ruggeri ai Percassi dopo 16 stagioni.

NERAZZURRO, MA NON ATALANTINO. Fratello minore di Tiziano, difensore classe ’52, Mutti è un prodotto del settore giovanile dell’Inter. Costretto poi al giro d’Italia da carrierista con discreto senso della rete, 103 nei soli campionati da professionista. Mai più d’un triennio per maglia: a parte Bergamo, 112 partite e 29 palloni nel sacco (99 e 24 in regular season, 13 e 5 in Coppa Italia) partecipando al rientro al piano di sopra con Nedo Sonetti tecnico, compagni Roberto Donadoni, Marco Pacione, Marino Magrin, Domenico Moro e Gianpaolo Rossi fra gli altri, record di fedeltà personale con Brescia (1977-80) e Mantova (1984-87). Massese, Pescara, Catania, Taranto e Palazzolo, con ritiro a quota 35, le altre tappe.

MUTTI E SUPERPIPPO. Si deve a Mutti, ai tempi del Leffe, la rampa di lancio del piacentino (allora anche di cartellino) Pippo Inzaghi: 13 gol da diciannovenne nel 1992-1993 e passaggio in blocco all’Hellas Verona in B insieme ad Alessandro Furlanetto e Gianni Cefis, il mancino di Città Alta micidiale da fermo e negli assist a Superpippo. Poi, sempre da mister, Cosenza, il Piacenza tutto italiano, Napoli, ancora Cosenza, Palermo, Reggina, Messina (promozione in A nel 2004 e settimo posto), Modena, Salernitana, Bari, di nuovo Palermo, Padova e Livorno, 3 punti in 9 partite nel 2015-2016 nell’avantindré con Christian Panucci. Bortolo Mutti una traccia l’ha lasciata, anche se non a Bergamo. Pazienza. E soprattutto tanti auguri.

9 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
9 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"El Tanque" nerazzurro

German Denis

Prima capitano, poi autentica bandiera nerazzurra

Gianpaolo Bellini

Il Vin Diesel di Bergamo

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement
Piccoli Genoa

Dentro uno, fuori tre: il calciomercato d’inverno va bene così?

Ultimo commento: "Non basta Boga per comporre una formazione vincente,bisogna acquistare giocatori piu' forti e veterani dalle squadre piu' forti ."

“Con Boga è arrivato il dopo Papu?”, il nostro sondaggio

Ultimo commento: "Non penso proprio: Papu era tutt'altro giocatore e più determinante."

Var e arbitri, che gran rottura. Come dovrebbe comportarsi l’Atalanta?

Ultimo commento: "Giuseppe Elia con tutto il rispetto che si merita una turca. “: VAI A CAGARE”"

SONDAGGIO – Viste le condizioni di Zapata, cosa deve fare l’Atalanta?

Ultimo commento: "Ora una parola sola .... svecchiare per ripartire con Mr. Gasperini Forza Atalanta"

Altro da News