Resta in contatto

News

Auguri a Magallanes, 3 lampi e 1 retrocessione (video)

Poco fortunata la permanenza biennale sotto Emiliano Mondonico dell’attaccante uruguaiano, partito sempre dietro i titolari

Per un certo periodo vestì anche la maglia del Real Madrid, ma che al Bernabeu se ne ricordino è un’ipotesi e basta. Aveva un sinistro ciclonico e abbastanza di qualità, sfruttato saltuariamente in abbinata a un discreto tempismo negli inserimenti. Saltuario anche quello, a dire il vero. Ma i soli 3 lampi in 25 presenze (11+13+1 in Coppa Italia) nell’Atalanta non depongono a favore di Federico Magallanes, 43 anni proprio oggi. Catapultato nella Dea del secondo e ultimo corso di Emiliano Mondonico in panchina in un biennio, tra 1996 e 1998, in cui le gerarchie in attacco erano chiare: Filippo Inzaghi con Domenico Morfeo alle spalle prima, Nicola Caccia e Cristiano Lucarelli poi. E in questo caso fu serie B.

FORTUNATO IN NAZIONALE… Eppure Gerardo Federico Magallanes Gonzalez era un nazionale dell’Uruguay, dov’è nato nella capitale Montevideo il 22 agosto 1976. Da 6 gol in 26 partite, argento nella Copa America in Paraguay nel 1999 e pure un’avventura ai Mondiali, in Giappone e Corea del Sud, nel 2002. Tre titoli nel natìo Peñarol (1994, 1995, 1996) sarebbero stati una rampa di lancio ideale per tutti.

…E SFORTUNATO IN EUROPA. Magallanes però non era un fulmine di guerra, oltre da avere questa predisposizione per giocare all’ala più che da seconda punta che non ne faceva un bomber implacabile. Nell’Atalanta degli Architetti, leggi Marco Sgrò a destra e Fabio Gallo in regia con Gigi Lentini pronto ad avanzare da sinistra, soltanto il matchball con l’Hellas Verona. L’anno dopo, il pari sul 2 a Brescia e il raddoppio sul Bari. Non c’è molto altro da dire su un attaccante costretto poi a girovagare, con alterne fortune, tra Santander, Defensor Sporting, Venezia, Torino, Siviglia, Eibar, Digione e Merida ritirandosi nel 2009 a soli 33 anni. Tanti auguri.

 

6 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
6 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Tra lui e Facundo Parra non saprei chi sfanculare per primo…..

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Tot

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

i piedi

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Tutto

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Arrivò giovanissimo, fece comunque cagare tutto il resto della carriera.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Me lo ricordo il pollo h?

Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Advertisement
magrin

Marino Magrin

Ultimo commento: "Genova, categoria esordienti, battuta la Lazio in finale e Dossena che non si presenta alla premiazione.... Che bei tempi Marino... Chissà se ricordi..."

Emiliano Mondonico

Ultimo commento: "idem!!! potrei averlo scritto io!"
gianpaolo bellini

Gianpaolo Bellini

Ultimo commento: "È stato un grande giocatore, versatile ed un ragazzo educato, corretto e sempre leader nel nostro spogliatoio...."
augusto scala piero fanna

Augusto Scala

Ultimo commento: "Il primo abbonamento in nord E c'era lui Gusto Capello lungo e corsa da cavallo"

Angelo Domenghini

Ultimo commento: "Sono tifoso del Milan ma da due anni seguo l'Atalanta. Vorrei che il Milan fosse l'Atalanta. Se Atalanta e Milan giocano in simultanea guardo..."

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da News